UIL FPL VENEZIA

Francesco Menegazzi

Profile page

checco Messages

Si sono svolti lo scorso 24 e 30 marzo, in modalità di videoconferenza, un paio di incontri con la Direzione Strategica dell’Ulss 3 dove abbiamo avuto modo di conoscere il nuovo Direttore Generale Dr. Contato, ma non ancora i componenti del suo staff appena nominati – clicca qui per vedere la precedente news e il loro profilo – che ha mostrato piena disponibilità al dialogo, e siamo stati aggiornati sulla pandemia in atto e sulla campagna vaccinale.

La situazione è molto critica e si prevede che l’apice dei contagi e dei ricoveri verrà raggiunto nei prossimi 10 giorni. C’è ancora una discreta disponibilità di posti letto nei vari presidi ospedalieri, ma il personale, costretto all’ennesima riorganizzazione delle attività e dei reparti trasformati in Covid, è davvero allo stremo delle forze.

Prosegue invece tra mille difficoltà e contraddizioni la campagna vaccinale, con la messa a regime di 5 CVP (Centri di Vaccinazione Periferica) a Dolo, Mirano, Chioggia, Venezia e a breve anche a Marghera presso il Pala Aquae, capace di garantire a regime la vaccinazione di 3-4000 pazienti al giorno.

Purtroppo invece resta ferma la contrattazione decentrata del comparto. L’assenza di un Direttore delle Risorse Umane, la cui sostituzione pare non essere stata nemmeno autorizzata dalla Regione Veneto, si fa sentire in modo importante e non è più sostenibile. Pur apprezzando questi incontri “informativi”, abbiamo sottolineato la necessità di avviare trattative distinte tra Comparto e Dirigenza per discutere della gestione dei diversi istituti contrattuali lasciati in sospeso.

Nel volantino allegato che potete scaricare cliccando qui, viene sintetizzato in modo semplice quanto emerso durante l’incontro.

ASL3 – 210330 Comunicato UIL 2-2021 trattativa

 

 

 

 

 

Finalmente definito il nuovo assetto dei Direttori che affiancheranno il Direttore Generale Dr. Edgardo Contato, nominato poco un mese fa al governo dell’Ulss 3 Serenissima.

Il nuovo Direttore Amministrativo sarà il Dr. Luigi Antoniol che prende il posto di Fabio Perina anche lui al seguito di Dal Ben in Azienda Ospedaliera a Padova. Classe 1962, residente a Silea, ha lavorato presso diverse Asl, a Pieve di Soligo, Bassano, Treviso ed Asolo, e di recente nominato Direttore Amministrativo presso l’istituto Zooprofilattico con sede a Legnaro (Pd). Laureato in giurisprudenza, ha una lunga esperienza giuridico-amministrativa nella pubblica amministrazione, soprattutto nel settore delle risorse umane.

Sarà invece il Dr. Giovanni Carretta a sostituire il Dr. Tessarin in qualità di Direttore Sanitario. Classe 1970, laureato a Padova con specializzazione in Malattie Infettive e successivamente in Medicina Preventiva, ha sempre svolto il suo lavoro nella provincia di Padova, dove ricopriva fino all’altro giorno il ruolo di Direttore Medico di Presidio.

Massimo Zuin è invece il nuovo Direttore dei Servizi Sociali, e sostituirà il pensionato Gianfranco Pozzobon. Nato nel 1964, residente a Camponogara, ha prestato il suo servizio presso l’Istituto Provinciale per l’Infanzia Santa Maria della Pietà di Venezia, la Provincia e la Regione Veneto.

I nuovi Direttori resteranno in carica per un triennio. Ci auguriamo di intraprendere un proficuo ed efficace confronto, al fine di affrontare le odierne problematiche e migliorare le condizioni lavorative di tutto il personale che opera in questa Azienda. In tal senso, come UIL FPL, garantiamo la piena disponibilità e collaborazione. Saremo un interlocutore serio ed affidabile, disponibile, come sempre al confronto senza alcuna chiusura pregiudiziale.

I nuovi Direttori verranno presentati ufficialmente alla stampa domani giovedì 25 marzo.

Roma, 10 marzo 2021 – L’Italia riparte dalle donne e dagli uomini della pubblica amministrazione: medici, infermieri, insegnanti, magistrati, forze dell’ordine, dipendenti delle amministrazioni centrali e di quelle periferiche.

A sancirlo è oggi la firma del Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e della coesione sociale. Un netto cambio di passo, con una stagione nuova per le relazioni sindacali ed è significativo che questo avvenga con protagonista quel ministro, che nel 2008, ci definiva “fannulloni”. Si punta alla revisione dell’ordinamento professionale, attraverso il rinnovo dei contratti per il triennio 2019-2021 con la salvaguardia dell’elemento perequativo. Ma soprattutto viene superato il limite definito dall’art. 23, comma 2, del d.Lgs. 75/2017, che sostanzialmente elimina il tetto retributivo fissato al livello del 2016.

Nei nuovi contratti verrà disciplinato anche  il lavoro agile, verranno messe a bilancio risorse aggiuntive per la revisione dei sistemi di classificazione del personale con la prosecuzione dei lavori delle commissioni paritetiche costituite presso l’Aran.

Attenzione al welfare contrattuale, con forme di sostegno alla genitorialità, forme di previdenza complementare e sistemi di premialità proporzionalmente legati al miglioramento dei servizi

Un accordo importante che si impegna a disegnare insieme la Pubblica Amministrazione di domani, motore per il rilancio del nostro Paese.

Il primo incontro tra parti sociali e il Ministro Brunetta è stato convocato per venerdì 12 marzo.

Clicca qui per visitare il sito UIL FPL Nazionale.

Clicca qui per scaricare il volantino sottostante.

PA patto volantino

Clicca qui per scaricare il testo completo dell’accordo sottoscritto (in bozza)

Si è svolta il 9 marzo la prima trattativa della nuova Direzione dell’ASL. Abbiamo avuto modo di salutare il neo Direttore Generale Dr. Filippi al quale abbiamo augurato un buon lavoro, nell’attesa di conoscere anche i nuovi Direttori dei vari ambiti che sceglierà per il prossimo triennio.

Siamo stati aggiornati sulla situazione dell’epidemia da coronavirus, il cui incremento dei dati è davvero molto preoccupante. E’ stata riaperto il reparto di Covid a di Jesolo che ospita 30 pazienti circa, e c’è la necessità di riaprire d anche la Terapia Intensiva. Al momento ci sono 8 pazienti gravi residenti in questo territorio, 3 dei quali ricoverati a Portogruaro, 1 a San Donà mentre 4 addirittura a Dolo.

Nell’allegato comunicato, clicca qui per scaricarlo, potete leggere nel dettaglio quanto discusso durante l’incontro. Il prossimo incontro si terrà il 23 marzo p.v..

Clicca qui per scaricare la nota inviata all’Azienda sulle valutazioni.

ASL4 – 210309 Comunicato UIL 5-2021 trattativa

La UIL FPL di Venezia ha attivato un percorso a tutela del personale che lavora presso il Comune di Venezia, che ritiene di non aver avuto una corretta valutazione della performance individuale, sia nel merito che nella procedura.

Per coloro che intendano procedere, abbiamo avviato un percorso formale per il ricorso.

E’ possibile presentare un ricorso entro e non oltre il 26 marzo con l’aiuto di UIL FPL.

Manda una mail a assistenza@uilfplvenezia.it specificando le tue generalità e recapiti. Ti contatteremo quanto prima.

Clicca qui per scaricare il volantino.

Performance 1

Quest’anno ricorre il centenario dall’istituzione della Giornata Internazionale dell’Operaia, la cui denominazione cambiò poi in Giornata Internazionale della Donna.

La giornata internazionale della donna, definita comunemente Festa della Donna o Giornata della Donna, si celebra l’8 marzo per ricordare tutte le conquiste delle donne in campo economico, politico e sociale, ma anche le discriminazioni e le violenze cui le donne sono state sottoposte in passato e, in alcune parti del mondo, ancora sono sottoposte.

L’8 marzo ha, quindi, un significato ben diverso da quello che il consumismo moderno ha voluto imprimergli, e che oggi in piena pandemia non ha ragione di essere: i festeggiamenti, il regalare mimosa o fiori alle donne, cene fuori tra donne.

Ma serve una giornata per sentirsi donne o per ricordare di esserlo? Serve una giornata per festeggiare l’essere donna? L’8 marzo non è un giorno di festa, ma una celebrazione per le donne che riuscirono ad ottenere tutti i diritti che noi donne moderne di oggi diamo per scontati: diritto di voto, uguaglianza sul lavoro, parità tra i sessi, tutte cose ottenute grazie alle lotte di grandi donne del passato.

Per molti anni l’origine della “Festa della Donna”, è stata ricondotta a una tragedia avvenuta nel 1908 nell’industria tessile Cotton di New York dove, durante un incendio, persero la vita le operaie. Questo incendio è stato però confuso con un altro avvenuto, sempre a New York, il 25 marzo 1911 e che colpì la fabbrica Triangle. Fu il più grave incidente industriale della storia della città e causò la morte di 146 persone (123 donne e 23 uomini).

Questa giornata celebrativa nacque negli Stati uniti, come “Woman’s Day”, il 3 maggio 1908, quando a una delle conferenze del partito socialista di Chicago, alle quali erano invitate a partecipare anche le donne, in mancanza dell’oratore ufficiale prese la parola la socialista Corinne Brown, che era una ferma sostenitrice dei diritti delle donne e della la loro emancipazione e durante il suo intervento affrontò la questione dello sfruttamento da parte dei datori di lavoro nei confronti delle operaie che ricevevano un salario bassissimo e avevano un orario di lavoro quasi intollerabile. Sempre nella stessa giornata venne affrontato anche il discorso delle discriminazioni sessuali nei confronti della donna e dell’estensione del diritto di voto alle donne.

La prima giornata della donna fu celebrata il 28 febbraio 1909 negli Stati Uniti. La vera svolta per la Giornata della donna si ebbe però nel 1910: alla Conferenza Internazionale delle Donne Socialiste, che si svolse a Copenaghen, si decise di istituire in tutto il mondo una giornata che fosse dedicata alla rivendicazione dei diritti delle donne, a ricordo del lungo sciopero di 20.000 operaie di New York durato tre mesi, dal novembre 1908 al febbraio 1909.

La celebrazione della Giornata della Donna fu interrotta durante la Prima Guerra Mondiale, ma l’8 marzo 1917 a San Pietroburgo le donne si unirono e si resero protagoniste di una grande manifestazione per reclamare la fine della guerra, chiedendo pane per i figli e il ritorno degli uomini dal fronte. E’ la prima di una serie di proteste che porterà alla fine dello zarismo.

Per questo motivo, nel 1921, la Seconda Internazionale delle Donne Comuniste fissò come data celebrativa per la Giornata della Donna l’8 marzo.

In Italia per la prima volta la Giornata della Donna fu celebrata il 22 marzo 1922. L’8 marzo 1946 in tutta Italia si festeggiò la Festa della Donna e venne scelta per la prima volta la mimosa, che fiorisce proprio nei primi giorni di marzo, come simbolo della ricorrenza. L’8 marzo 1972 a Roma in Piazza di Campo de’ Fiori si svolse la Manifestazione della Festa della Donna, durante la quale le donne chiesero, tra le varie cose, anche la legalizzazione dell’aborto. Da tale data si fa risalire la nascita di un vero e proprio movimento femminista italiano.

Da celebrazione a festa…

Malgrado siano trascorsi ormai 100 anni dall’istituzione dell’ 8 marzo quale Giornata Internazionale dell’Operaia, quello che era nato come un giorno che serviva a celebrare i DIRITTI DELLE DONNE, a innalzare il loro ruolo nella storia e nella politica dell’epoca, quello che era un giorno per celebrare il coraggio e la determinazione delle donne, è ora un giorno che è stato completamente diverso e oggi più che mai il tema dei diritti delle donne richiede nuove attenzioni e visibilità, perché sono ancora troppe le discriminazioni e le violenze di cui sono oggetto, in molte parti del mondo.

Tante le promesse e proclami di cambiamento, eppure sono sotto gli occhi di tutti la discriminazione salariale di genere tra uomini e donne, la mancanza di misure a sostegno della famiglia (per esempio gli asili nido e orari flessibili) che spesso costringono la donna a scegliere fra la propria carriera lavorativa e la famiglia e, contestualmente, la difficoltà ad accedere a forme di lavoro diverse quali il part time. E’ sufficiente vedere come, in questo periodo, vengano lesinate le forme di aiuto e supporto alle donne che in tempo di pandemia, con le scuole chiuse non hanno diritto a sufficienti ristori/congedi per potersi occupare dei figli e del lavoro di cura per i disabili. Inoltre il Dossier Inail 2021, appena pubblicato, evidenzia che il 70% dei contagiati dal virus Covid-19 sui luoghi di lavoro sono donne lavoratrici.

Siamo abituati e abituate al preconcetto di “sacrificio” per le donne ma la Uil ritiene doveroso porre e perché no, richiedere a chi ci Governa, da chi amministra le Aziende, siano esse pubbliche o private, più attenzione alla Salute e alla Sicurezza sul Lavoro. Le donne in particolare poi, non debbono e non possono scontare,….., la scarsa vigilanza nell’applicazione dei protocolli contro la diffusione del virus e dell’insufficienza nella valutazione dei rischi psicosociali sempre più in agguato in questo periodo così complicato per il mondo del lavoro”

Ivana Veronese, Segretaria Conf. Uil

Per quanto riguarda il nostro settore, le donne impiegate nella Pubblica Amministrazione rappresentano più della metà del personale: da qui, dunque, è bene cominciare a lavorare per valorizzare la presenza femminile, favorire la carriera delle donne in posizioni apicali e sostenere politiche organizzative tese alla conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro. La dissonanza tra la presenza delle donne nel pubblico impiego e il limitato avanzamento professionale è anche una questione di democrazia: un gap che dobbiamo mirare a colmare, per garantire una maggiore efficienza e un migliore funzionamento della macchina pubblica, anche in attuazione dei principi costituzionali.

Ultimo, ma non meno importante, l’8 marzo è una giornata che sottintende a una “Festa”, ma oltre alla discriminazione non cessa neppure la violenza fisica e psicologica sulle donne, anzi continua quasi in forma di strage.

L’8 marzopiù che mai, va ricordato che le Donne vanno rispettate QUALI PERSONE – oltreché madri, sorelle, figlie, mogli, compagne, amiche – ogni giorno dell’anno, indistintamente.

Questo è un insegnamento di cui devono farsi carico tutti e tutte le Istituzioni, la Famiglia, la Scuola ed ogni singola Persona, perché al rispetto reciproco bisogna educare i bambini fin da piccoli.

Monica Catullo
Responsabile Regionale Coordinamento Pari Opportunit
UIL FPL Veneto

Venezia, 26 febbraio 2021 – Si è svolta questa mattina la cerimonia di nomina dei Direttori Generali del Veneto, prorogati per necessità legate all’emergenza Covid di 2 mesi, che resteranno in carica per il triennio 2021-2023.

Nel territorio della nostra provincia sono stati nominati il Dr. Edgardo Contato e il Dr. Mauro Filippi.

Il Dr. Edgardo Contato è nato nel 1958, è un medico specializzato in Igiene e Medicina Preventiva. Ha lavorato presso numerose Aziende del Veneto, quindi presso l’ASL di Ferrara, dove ha svolto, tra le altre il ruolo di Direttore di Distretto, di Direttore Sanitario e facente funzione di Direttore Generale. L’ultimo incarico lo ha svolto come Direttore Sanitario presso l’ASL 5 Polesana.
Il Dr. Mauro Filippi invece, è persona molto conosciuta in questo territorio perché ha sempre lavorato nella nostra provincia. E’ il primo laureato in Scienze Infermieristiche nominato Direttore Generale in un’ASL del Veneto (secondo in Italia), già Direttore dei Servizi Socio Sanitari della stessa azienda dove ha svolto anche il ruolo di Dirigente delle Professioni Sanitarie. Ha cominciato la sua carriera lavorando all’Ospedale Civile di Venezia presso l’allora ULSS 16 in quello che veniva chiamato Ufficio Infermieristico negli anni ’90.

Ecco l’elenco completo dei nuovi Direttori delle ASL del Veneto.

  • ULSS 1 DOLOMITI Carraro Maria Grazia
  • ULSS 2 MARCA TREVIGIANA Benazzi Francesco
  • ULSS 3 SERENISSIMA Contato Edgardo
  • ULSS 4 VENETO ORIENTALE Filippi Mauro
  • ULSS 5 POLESANA Simionato Patrizia
  • ULSS 6 EUGANEA Fortuna Paolo
  • ULSS 7 PEDEMONTANA Bramezza Carlo
  • ULSS 8 BERICA Bonavina Maria Giuseppina
  • ULSS 9 SCALIGERA Girardi Pietro
  • AOUI PADOVA Dal Ben Giuseppe
  • AOUI VERONA Bravi Callisto
  • ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Benini Patrizia
  • AZIENDA ZERO Toniolo Roberto

Sottolineiamo come ben 4 Direttori provengono dal territorio della nostra Provincia, ovvero il Dr. Dal Ben, il Dr. Bramezza – già Direttori Generali di ASL 3 e 4 – la Dr.ssa Carraro – già Direttore Sanitario dell’ASL 3, oltre al neo Direttore Generale dell’ASL 4 Dr. Mauro Filippi – già DSS della stessa Azienda. Anche la Dr.ssa Benini è conosciuta per essere stata Direttore Sanitario nell’ASL 4 qualche anno fa.

Come UIL FPL, ci auguriamo di poter intraprendere da subito un dialogo proficuo e serio, nel rispetto dei ruoli di ognuno.

Si è svolto il 19 febbraio la trattativa con l’Amministrazione dell’ULSS 3 Serenissima, probabilmente l’ultima con l’attuale Dirigenza visto che entro qualche giorno verranno nominati i nuovi Direttori Generali delle ULSS.

Abbiamo discusso dell’applicazione del REGOLAMENTO SUGLI INCENTIVI PER LE FUNZIONI TECNICHE, per il quale ci siamo riservati una risposta non appena ci confronteremo con il personale coinvolto, oltre che di REGOLAMENTO SULLA PERFORMANCE INDIVIDUALE e quant’altro.

Nel volantino allegato, che potete scaricare cliccando qui, è riportata una sintesi dell’incontro di oggi.

ASL3 – 210219 Comunicato UIL 1-2021 trattativa

Ancora fumata nera.

Gli operatori dell’Assistenza domiciliare del Comune di Venezia costretti ad aspettare ancora per essere vaccinati. Riteniamo ingiustificata tale decisione che rischia di amplificare ancora di più i rischi di una terza ondata pandemica, mettendo a rischio le persone più fragili che sono accudite da questi operatori. E stiamo parlando di 850 solo nel Comune di Venezia, senza contare gli utenti degli altri territori, Chioggia, Cavarzere, Area del Miranese, etc…

Come UIL abbiamo inviato una lettera al Governatore Zaia, all’Assessore Lanzarin e al Direttore Generale ULSS3 Dal Ben segnalando la paradossale situazione e chiedendo un immediato intervento.

Clicca qui per scaricarla.

210218 UIL Lettera a Zaia

Ecco gli articoli sulla stampa del 19 febbraio.

210219 Corriere ritardi vaccini
210219 Nuova ritardi vaccini
210219 Gazzettino ritardi vaccini

La Uil, insieme a Cgil e Cisl, aderisce convintamente all’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ‘Diritto alle Cure- Nessun profitto sulla pandemia’.

Nel momento drammatico che stiamo vivendo è infatti necessario costruire la più ampia convergenza possibile tra tutte le realtà collettive che ritengono la tutela del diritto alla salute fondamentale parte integrante dei diritti umani e universali.

L’obiettivo dell’Iniziativa è quello di chiedere alla Commissione Europea di avanzare una proposta legislativa per:
– garantire che i diritti di proprietà intellettuale, compresi i brevetti, non ostacolino l’accessibilità o la disponibilità di qualsiasi futuro vaccino o trattamento contro la COVID-19;
– garantire che la legislazione dell’UE in materia di esclusività dei dati e di mercato non limiti l’efficacia immediata delle licenze obbligatorie rilasciate dagli Stati membri;
– introdurre obblighi giuridici per i beneficiari di finanziamenti dell’UE per quanto riguarda la condivisione di conoscenze in materia di tecnologie sanitarie, di proprietà intellettuale e/o di dati relativi alla COVID-19 in un pool tecnologico o di brevetti;
– introdurre obblighi giuridici per i beneficiari di finanziamenti dell’UE per quanto riguarda la trasparenza dei finanziamenti pubblici e dei costi di produzione e clausole di trasparenza e di accessibilità insieme a licenze non esclusive.

La pandemia sta colpendo soprattutto le persone più fragili, anziane e malate. Vaccinare al più presto tutta la popolazione è una priorità per tutelare la loro salute, la salute pubblica e per far ripartire l’Italia e l’Europa. Invitiamo quindi tutti i nostri iscritti e le persone anziane a firmare

Firma QUI l’iniziativa

La raccolta di firme è stata lanciata il 30 novembre 2020 in tutta l’UE; da tale data, il Comitato ha un anno di tempo per raccogliere le firme necessarie nei 27 paesi dell’Unione.