UIL FPL VENEZIA

Nella giornata di oggi, 8 ottobre, Mario Ragno, Segretario Generale UIL FPL Veneto, ha scritto una lettera aperta al Presidente della Regione Luca Zaia nella quale esprime la propria posizione in merito al Green Pass e al relativo tema della sicurezza sul lavoro.

L’obiettivo di tutti è cercare di abbassare il conflitto sociale per far ripartire l’economia e far recuperare alle Istituzioni il terreno perso.

A questo scopo, la lettera si sviluppa poi con delle richieste puntuali:

  • di intervenire sulle ulss e non solo, per fare chiarezza sull’obbligo vaccinale dei lavoratori, sulle sospensioni e sulle ricadute sui servizi e sui pazienti/ospiti;
  • di potenziare al massimo i servizi di prevenzione e contestualmente di spronare il Governo ad assumere ulteriori misure in merito;
  • velocizzare ed autorizzare tamponi salivari con durata 72 ore e nel frattempo, nelle strutture pubbliche, farli pagare al massimo al prezzo di costo, rendendo così possibile per le famiglie affrontarne il costo.

Potete leggere il testo integrale della lettera cliccando qui

Lettera aperta al Presidente Zaia

Giovedì 7 ottobre nasce in Veneto il servizio Mobbing e Stalking della UIL. Domani la responsabile nazionale Alessandra Menelao e il segretario generale della UIL Veneto Roberto Toigo terranno a battesimo il nuovo servizio, incontrando gli sportellisti incaricati.

I centri di ascolto UIL per mobbing e stalking sono le strutture di servizio della UIL che mettono in atto azioni specifiche per prevenire, intervenire, contrastare e combattere ogni forma di violenza perpetrata nei confronti di tutti i cittadini e di tutte le cittadine.

Con il termine mobbing si intendono quei comportamenti attuati dal datore di lavoro o da altri dipendenti per perseguitare un dipendente ed emarginarlo attraverso la lesione della sua dignità umana e professionale. Lo stalking si definisce come un insieme di azioni ripetute e assillanti, costituite da comunicazioni intrusive (telefonate e lettere anonime, sms, e-mail, invio di fiori, ecc …), oppure da comportamenti volti a controllare la propria vittima (pedinamenti, appostamenti, sorveglianza sotto casa, violazione di domicilio, minacce di violenza, aggressioni, omicidio o tentato omicidio).

Nei prossimi giorni sul sito della UIL Veneto pubblicheremo i nomi e i contatti dei referenti (ce ne sarà uno per provincia) e le modalità di accesso al servizio.

Ci sono voluti diversi incontri, ma alla fine, lo scorso 4 ottobre sono stati sottoscritti con la Casa di Cura  Policlinico San Marco due importanti accordi riguardanti il riconoscimento del tempo di vestizione e le ferie solidali.

“Il nuovo contratto della Sanità Privata, ormai già scaduto, aveva apportato importanti modifiche all’impianto normativo – dichiara Francesco Menegazzi Segretario Generale UIL FPL Venezia – ed unitariamente a Cgil e Cisl nei mesi scorsi abbiamo presentato una piattaforma rivendicativa per affrontare i diversi argomenti. E’ stata tuttavia una buona ipotesi di lavoro quella di cominciare a chiudere accordi a stralcio”. 

Insieme al riconoscimento del tempo di vestizione e svestizione, è stata disciplinata, attraverso apposito accordo, anche la procedura per consentire la cessione e l’accesso alle ferie solidali, norma di grande civiltà introdotta dal nuovo CCNL che prevede la possibilità di cedere a titolo gratuito e volontario le ferie ad altri lavoratori della medesima struttura, per consentire loro assistenza ai figli minori, parenti ed affini entro il secondo grado, che per particolari condizioni di salute necessitano di cure costanti.

“Va sottolineato – prosegue Menegazzi – che l’accordo sottoscritto è il primo siglato nella Provincia di Venezia in Sanità Privata, anche se è giusto ricordare che i 14′ vengono già riconosciuto al Fatebenefratelli. Ma segna anche la ripresa di un confronto sindacale con la proprietà del Policlinico, bruscamente interrotta da tanti anni. Speriamo – conclude Menegazzi sia di buon auspicio per affrontare le altre problematiche che ci aspettano. Il nostro lavoro prosegue.”

Presenti al tavolo anche la delegata RSA per la UIL FPL Anna Maria Brasi.

Gli accordi verranno presentati ai Lavoratori in apposita assemblea che si terrà il prossimo GIOVEDI’ 14 OTTOBRE dalle ore 12.00 alle ore 14.00 presso l’area del parcheggio coperto al 1° piano sotto blocco operatorio.

Clicca qui per scaricare l’accordo sul tempo di vestizione.

Clicca qui per scaricare l’accordo sulle ferie solidali.

Nell’ambito della formazione continua,  la UIL FPL Venezia organizza corsi di formazione per iscritti e simpatizzanti volti alla riqualificazione professionale, alla preparazione delle selezioni nei comparti della sanità, della funzione pubblica e nel terzo settore.

Nello specifico, per l’anno 2021-2022 abbiamo programmato una serie di corsi dedicati alla figura dell’Operatore Socio Sanitario per il quale, non essendoci obbligo di formazione ECM, il numero dei corsi proposti è sicuramente inferiore rispetto ad altre figure professionali.

Per tutti gli iscritti alla UIL FPL di Venezia la partecipazione ai corsi è gratuita. Se non sei ancora iscritto, vai alla pagina di iscrizione o contatta la segreteria per conoscerne i vantaggi.

Per iscriversi ai corsi visita la pagina https://www.uilfplvenezia.it/corsi/ e segui le istruzioni

In allegato il volantino con la sintesi dei corsi proposti che puoi scaricare cliccando qui.

CorsiOSS

La Segreteria UIL FPL Venezia

 

La UIL FPL Venezia organizza un corso in preparazione al concorso – per titoli ed esami – per 28 posti nel profilo professionale di Istruttore Amministrativo C1, bandito dal Comune di Venezia di cui 8 posti riservati agli interni e 2 posti riservati ai disabili.

La partecipazione è aperta a tutti, con priorità per gli iscritti alla UIL FPL. Clicca qui per scaricare il volantino.

Volantino corso C1


 

Roma, 7 settembre 2021.

Si è svolto questa mattina un nuovo incontro con l’ARAN per il rinnovo del CCNL Sanità Pubblica. Ci è stata presentata una proposta che riprende solo parzialmente i primi 4 titoli della piattaforma unitaria presentata, ma che non fa cenno al nuovo sistema di classificazione, degli incarichi, mobilità e formazione.

Per UIL, CGIL e CISL è invece assolutamente necessario mettere al centro della discussione del contratto il tema della revisione del sistema di classificazione, che è il tema fondamentale che deve caratterizzare questo rinnovo. Non siamo disponibili, come sostenuto da una sigla autonoma, chiudere la parte economica, stralciando al momento gli aspetti normativi.

Il prossimo incontro è previsto per martedì 21 settembre, dove intendiamo ripartire dai contenuti della nostra piattaforma.

Clicca qui per scaricare le slides della piattaforma di UIL, CGIL e CISL

Clicca qui per scaricare il comunicato unitario

Roma, 5 agosto 2021 – Nella mattinata di oggi ha preso finalmente avvio in ARAN il tavolo di trattativa per il rinnovo del CCNL del comparto della sanità pubblica. In apertura dell’incontro il Presidente, dopo aver brevemente richiamato i contenuti dell’Atto di indirizzo ed espresso l’auspicio che il Tavolo possa giungere in breve tempo alla sottoscrizione del contratto, ha indicato alcuni degli obiettivi che dovranno essere affrontati, tra i quali la revisione del sistema di classificazione.

A seguire l’ARAN, prima di passare la parola alle parti sindacali, ha illustrato il quadro economico-finanziario, riportato dall’atto di indirizzo, nell’ambito del quale ritiene si debba svolgere la trattativa e che, al netto delle ulteriori risorse stanziate direttamente dalla legge di Bilancio 2021 per il riconoscimento di specifiche indennità a favore del personale infermieristico (€ 335 milioni) e delle altre professioni sanitarie e assistenti sociali (€ 100 milioni), dovrà portare ad un incremento medio del 4,38%, al lordo dell’elemento perequativo che ha continuato comunque ad essere erogato in busta paga al personale.

Abbiamo rilevato il ritardo con il quale ha preso avvio questa trattativa, fondamentale per la valorizzazione professionale di chi opera in questo delicato e nevralgico settore, condividendo la necessità di giungere in tempi rapidi al rinnovo del contratto. Cgil, Cisl, Uil di categoria hanno chiarito che, come scritto nel patto per l’innovazione e coesione del lavoro pubblico, le risorse per la classificazione dovranno essere aggiuntive rispetto alle risorse economiche e finanziarie richiamate dall’ARAN.

Conseguentemente abbiamo evidenziato che non permetteremo che le scelte, i tempi e le modalità della discussione siano condizionati dal perimetro delle risorse disponibili a legislazione vigente e che, se necessario, proseguiremo la nostra azione rivendicativa affinchè il Governo proceda alla necessaria integrazione. Nei nostri interventi abbiamo inoltre richiamato gli obiettivi che intendiamo traguardare con questo rinnovo, parte dei quali contenuti nella nostra Piattaforma Unitaria, altri richiamati nel “Patto per l’Inovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale” sottoscritto dal Governo con CGIL – CISL – UIL lo scorso 10 marzo.

Tra essi:

• Il giusto riconoscimento economico
• L’aggiornamento del sistema indennitario per tener conto delle mutate condizioni di lavoro e di rischio in cui operano i professionisti e i lavoratori della sanit
• La revisione del sistema di classificazione e l’implementazione del sistema degli incarichi, necessari per la valorizzazione della professionalità e delle competenze acquisite dai professionisti e dai lavoratori
• il potenziamento della contrattazione integrativa e degli altri istituti di partecipazione sindacale
• l’investimento nella formazione professionale per far fronte alle sfide future, in particolare alla digitalizzazione e all’implementazione delle nuove tecnologie sanitarie
• l’individuazione di soluzioni idonee per affrontare i problemi dei carichi di lavoro e dell’aumento dell’età media dei professionisti e dei lavoratori
• la disciplina del “lavoro agile
• l’ampliamento del welfare contrattuale con riguardo, in particolare, al sostegno alla genitorialità con misure che integrino e implementino le prestazioni pubbliche, le forme di previdenza complementare e i sistemi di premialità.

In particolare, abbiamo rappresentato che il confronto che avvieremo nel corso della trattativa su ciascuno degli obiettivi non potrà sovrapporsi a discussioni in corso o concluse in altri comparti di contrattazione ma dovrà avvenire in modo autonomo, tenendo conto delle peculiari specificità che caratterizzano il settore della sanità. Abbiamo inoltre rappresentato la necessità di intervenire su alcuni articoli del precedente rinnovo contrattuale per tener conto degli interventi normativi sopraggiunti ma, soprattutto, per risolvere alcune criticità che in questi anni sono state rilevate e sulle quali ci aspettiamo una concreta disponibilità da parte dell’ARAN e dei rappresentanti del Comitato di Settore, per individuare soluzioni adeguate ai problemi sui quali più volte ci siamo confrontati. In conclusione dei lavori è stato fissato il prossimo incontro per il 7 settembre alle ore 11.

CONTRATTO DECENTRATO COMUNE DI VENEZIA IMPORTANTI AUMENTI SALARIALI AI LAVORATORI

Lo scorso 30 luglio, dopo ore interminabili di trattativa, è stata sottoscritta la preintesa con l’Amministrazione per il contratto decentrato dei dipendenti del Comune di Venezia per il periodo 2021-2025. E’ un’intesa storica che, per la prima volta a livello nazionale, varrà per l’intera durata del mandato della Giunta, ovvero fino al 2025 e garantirà al personale il livello dell’attuale produttività e avanzamenti di
carriera.

Siamo stremati ma felici – afferma Mario Ragno Segretario Uil Fpl Veneto – le nostre rivendicazioni erano legittime e garantivano equità a tutto il personale. Finalmente  da ottobre 2021, si procederà ad un percorso che in 3 anni produrrà un avanzamento di carriera per il personale che, nella stragrande maggioranza, è fermo da 10 o 15 anni nella stessa posizione economica. Verranno utilizzati dal fondo circa 2 milioni di Euro in 5 anni, la produttività resta inalterata per le categorie più basse, avrà una riduzione di 100 € per la categoria C dal secondo anno, di 200 € il secondo anno e 250 € il terzo anno per la categoria D, ma tale riduzione sarà compensata dalle nuove posizioni economiche che partiranno da almeno 528 euro.  Dal prossimo mese di ottobre verrà avviato quindi il percorso delle progressioni orizzontali e per il quarto e quinto anno la possibilità di un secondo avanzamento ad una parte di lavoratori.”

Non si placano tuttavia le polemiche sul comportamento dell’Amministrazione Comunale.

“Contrariamente a quanto si legge in una nota testata giornalistica – interviene Gianpiero Bulla Coordinatore RSU – abbiamo disarmato l’Amministrazione che intendeva consentire solo ad alcuni di fruire di tale istituto. È notorio, essendo le progressioni legate alla valutazione, che il sistema valutativo dell’Ente è stato il più criticato e oggetto di centinaia di ricorsi. Con questo pre-accordo, che dovrà essere sancito dal referendum dei lavoratori, abbiamo annullato questa discrezionalità e di fatto nei primi 3 anni fruiranno della progressione più del 90% dei dipendenti. Quest’accordo – prosegue Bulla –  premia più che la meritocrazia il mancato riconoscimento del lavoro svolto anche in periodo pandemico di tutti i miei colleghi. Sono dispiaciuto che una testata giornalistica storica e un professionista si “adeguano” a fonte informativa collaterale.” 

La preintesa sarà presentata nelle assemblee in programma a settembre nei posti di lavoro e sottoposta al voto dei Lavoratori.

In allegato:

Clicca qui per scaricare l’accordo.

Clicca qui per scaricare il volantino.

CCDI Comune Venezia

Finalmente ripresi gli incontri in ULSS 3 Serenissima. Il cambio ai vertici e la situazione pandemica avevano fino ad ora rallentato le trattative che ora ci auguriamo proseguano con continuità poichè sono molti e importanti gli argomenti di natura contrattuale da sviscerare.

Nell’incontro del 29 luglio scorso, che si è svolto ancora in videoconferenza, abbiamo concordato di sottoscrivere l’accordo per riconoscere l’indennità Covid al personale coinvolto nei periodi agosto-dicembre 2020 e gennaio-luglio 2021. Nello stesso accordo abbiamo deciso di assegnare un’integrazione della quota di produttività al personale cat.B autisti di ambulanza-idroambulanza e necrofori per i quali non è possibile garantire una specifica indennità.

E’ stato altresì deciso di sottoscrivere un nuovo accordo a modifica dell’attuale Regolamento sul Part-Time, che chiarisce alcune incongruità presenti nel precedente testo, in merito soprattutto alla proroga del rapporto per casi specifici di conviventi con disabili gravi, posti che comunque saranno aggiunti alla mappatura aziendale. Abbiamo fortemente sollecitato lo scorrimento delle graduatorie in essere per tutte le qualifiche perchè risultano ferme soprattutto per alcune categorie.

Infine, abbiamo concordato di sottoscrivere alcune modifiche formali al Regolamento sugli Incarichi di Funzione, sottolineando che, qualora un dipendente con un incarico venga spostato in altra destinazione, debba essere conseguentemente modificata la sua pesatura.

Clicca qui per scaricare il comunicato.

ASL -210729 Comunicato 5-2021

Oggi 22 luglio 2021, il Senato ha definitivamente approvato la conversione del decreto legge “Sostegni-bis” che istituisce il ruolo socio sanitario anche per gli Oss che finalmente vedono riconoscere il proprio ruolo nel sistema sanitario.

“Dopo questo importante traguardo per la valorizzazione degli operatori socio sanitari – dichiara Michelangelo Librandi Segretario Generale della UIL-FPL – la Uil Fpl chiede che si arrivi subito ad una revisione vera del Profilo, presupposto indispensabile per il giusto riconoscimento professionale e contrattuale di tutti gli OSS operanti nella sanità pubblica, privata e nel terzo settore.”
Clicca qui per vedere il video che spiega, in sintesi cosa cambia con l’introduzione di questo nuovo ruolo.