NEWS

9Apr2019

Riprese il giorno 9 aprile le trattative con l’Azienda ULSS 4, all’Ordine del Giorno la presentazione della STAGIONE ESTIVA 2019, che non prevede grandi novità sostanziali rispetto al passato, lo stato dell’arte nell’applicazione della DGR 1075/2017 di RIORGANIZZAZIONE DELL’ADI, e la valutazione della situazione delle PORTINERIE.

In sintesi, un incontro informativo ed interlocutorio. Ci sarà ancora da aspettare per il pagamento delle PROGRESSIONI ORIZZONTALI 2018, a causa della verifica degli ultimi ricorsi presentati. “Il risultato finale – afferma Francesco Menegazzi – sarà comunque discutibile, poiché siamo convinti dell’iniquità dell’accordo che determinerà effetti spiacevoli quanto prevedibili, a causa della scelta, non condivisa da questa Organizzazione Sindacale, di prevedere graduatorie nelle quali venisse dato un punteggio di anzianità complessiva senza considerare l’anzianità di fascia. Saremo in grado di dimostrarlo dati alla mano”.    

Presenti al tavolo per la UIL FPL il Segretario Francesco Menegazzi e Carla Castelletto componente UIL in RSU.

In allegato il comunicato n°3/2019 della UIL FPL. Clicca qui per scaricare.

Comunicato UIL 3-2019 ULSS4

5Apr2019

Lo scorso 3 aprile c’è stato un nuovo incontro tra Organizzazioni Sindacali è l’Amministrazione Comunale per affrontare i problemi del Sistema Bibliotecario del Comune.

“Già nell’incontro del 7 marzo scorso era stata sottolineata l’assenza di un progetto strategico e erano stati chiesti chiarimenti su  organici, organizzazione e l’ipotesi di appalto – dichiara Michele Saya Segretario Aziendale UIL FPL – a distanza di quasi un mese nessuna risposta da parte dell’Amministrazione, anzi è stata ribadita la conferma di non voler assumere personale in quanto la dotazione organica è esclusivamente utilizzata per le assunzioni della polizia locale».

«La scelta in questi anni di ridurre il personale e i prossimi pensionamenti – aggiunge Gianpiero Bulla componente UIL e coordinatore RSU – determinerà l’abbattimento della qualità dei servizi  a discapito della cittadinanza. L’appalto non è una soluzione ed è un chiaro fallimento della politica di questa amministrazione, che sta remando non per ma contro questa città. Nei prossimi giorni convocheremo l’assemblea unitaria dei lavoratori delle biblioteche per mettere in campo tutte le azioni di lotta necessarie a tutelare loro e la cultura a Venezia”.

5Apr2019

Sanità privata in lotta per il contratto fermo da 12 anni: «Pronti allo sciopero»

Al via la vertenza su scala regionale per la Sanità Privata, con l’attivo unitario dei delegati e il presidio presso la sede Regionale dell’AIOP in via Gozzi a Mestre. Villa Salus, Policlinico San Marco, Ospedale San Camillo e Fatebenefratelli, sono le strutture ospedaliere della sanità privata del Veneziano che protestano per il mancato rinnovo del contratto nazionale di lavoro fermo da 12 anni.

E’ una vergogna, che le associazioni di rappresentanza quali Aiop, si rifiutino di finanziare un contratto scaduto da dodici anni, quando i Lavoratori della sanità pubblica hanno rinnovato il contratto già da un anno e che assistiamo alla partecipazione in massa dei lavoratori della sanità privata del Veneto ai concorsi pubblici banditi dalle aziende sanitarie. La nuova programmazione dei posti letto per acuti e riabilitazione, ora al vaglio della quinta commissione consiliare regionale, assegna alle strutture private 273 posti letto in più rispetto alla programmazione del 2013.

La protesta, nata dal blocco delle trattative a livello nazionale, si articolerà attraverso assemblee dedicate in tutti i posti di lavoro, specificatamente al

  • POLICLINICO SAN MARCO venerdì 5 aprile dalle ore 13 alle ore 15
  • CASA DI CURA RIZZOLA martedì 9 aprile dalle ore 13 alle ore 15
  • VILLA SALUS lunedì 15 aprile dalle ore 13 alle ore 15
  • FATEBENEFRATELLI in data da stabilire
  • SAN CAMILLO in data da stabilire

dove verranno affisse bandiere e cartelli da parte delle OOSS per manifestare il proprio dissenso di fronte a questa situazione.

Sono coinvolti circa 300 mila i lavoratori in tutta Italia. Vi terremo aggiornati sugli ulteriori sviluppi della vicenda.

Ecco qualche immagine del presidio di oggi preso la sede di AIOP e la protesta presso il Policlinico con l’affissione delle bandiere fuori della struttura.

 

3Apr2019

Finalmente, dopo alcuni mesi di confronto, è stato firmato SOLO DA RSU, UIL E CGIL, il 3 aprile l’accordo con l’Amministrazione sul REGOLAMENTO PER L’ATTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI DI FUNZIONE, che comprende sia quelli per i coordinatori sanitari ex-legge 43/2006 che le ex-posizioni organizzative, le cui caratteristiche com’è noto sono cambiate dall’entrata in vigore del nuovo CCNL di maggio 2018. A brevissimo pubblicheremo un volantino congiuntamente alla CGIL.

Il Regolamento approvato consentirà di avviare tutto il percorso di adeguamento e modifica delle situazioni esistenti, e con la prima applicazione verranno garantite le posizioni dei coordinatori che hanno svolto finora il proprio ruolo. I contenuti di tale accordo verranno illustrati nelle assemblee che la UIL, unitamente a CGIL e CISL, ha programmato con il seguente calendario:

  • giovedì 4 aprile ore 10-12 OSPEDALE DOLO edificio 6 aula formazione
  • venerdì 5 aprile ore 10-12 OSPEDALE MIRANO aula formazione
  • lunedì 8 aprile ore 12-14 OSPEDALE CHIOGGIA Villa Verde
  • mercoledì 10 aprile ore 12-14 OSPEDALE VENEZIA sala dei novizi
  • venerdì 12 aprile ore 12-14 OSPEDALE MESTRE piano -2 stanza 20

“Siamo soddisfatti dell’accordo raggiunto – afferma Roberto Crivellaro Segretario Aziendale della UIL FPL – finalmente chiusa una questione e un dibattito che ormai si trascinava da mesi. Già con l’accordo del 13 dicembre scorso (vedi nell’apposita sezione del nostro sito n.d.r.) erano stati definiti gli importi complessivi da assegnare per questo istituto, incrementando il valore complessivo di circa 400.000€ rispetto a prima”. 

“Sono stati necessari diversi incontri – aggiunge Luca Favaretto per trovare una formulazione precisa allo scopo di evitare buchi nel regolamento che generassero ricorsi da parte di qualcuno. Siamo convinti di aver trovato una soluzione rispettosa delle norme ed equilibrata nei contenuti. Ora non resta che avviare le procedure per l’assegnazione dei nuovi incarichi, e la rivalutazione dei coordinamenti sanitari e di altri incarichi, fermo restando che è prerogativa unilaterale dell’Azienda (e non oggetto di contrattazione) definirne le diverse pesature.”

L’Azienda ci ha poi presentato il REGOLAMENTO SULLE FERIE SOLIDALI così come disciplinato dall’art.34 del CCNL, nonché illustrato l‘informativa che verrà divulgata tra il personale che recepisce le nuove norme relative ai permessi e riassume le vecchie regole esistenti in una sorta di utile vademecum per i dipendenti. Parallelamente verrà definito un Regolamento analogo per l’utilizzo dei permessi degli RLS.

Rispetto a questa tematica, in analogia al privato – aggiunge Monica Catulloabbiamo proposto di definire un Regolamento per l’utilizzo delle ore straordinarie in forma solidale”.

Slittera invece a giugno il pagamento delle progressioni economiche 2018, a causa della verifica di eventuali ulteriori risorse in modo tale da procedere al pagamento in un unica tranche di tutti i beneficiari. Abbiamo anche sollevato il problema dei buoni pasto, che sono praticamente inutilizzabili in moltissimi territori, chiedendo che l’Azienda trovi una soluzione magari anche attraverso la sostituzione dell’esercente fornitore, e che vengano rimborsati quelli mai utilizzati nei mesi precedenti.

Abbiamo anche siglato un accordo a modifica dei tempi di flessibilità per il personale amministrativo che a richiesta può chiedere l’anticipo di 30′ nell’orario di entrata.

REGOLAMENTO FERIE SOLIDALI

20190403 Regolamento ferie solidali

scarica

ACCORDO FLESSIBILITA’

20190403 Integrazione art. 7 – flessibilita

scarica

REGOLAMENTO INCARICHI

2019_04_03 Regolamento incarichi di funzione

scarica

Infine.

Con grande amarezza abbiamo assistito ad una pretestuosa quanto demagogica iniziativa dei nostri colleghi delle CISL che, nei giorni scorsi, hanno proposto e divulgato una velleitaria e inutile raccolta di firme per remunerare il personale che è costretto a rientrare dai riposi per carenze di organico, sapendo bene che è una cosa praticamente impossibile. Quello che non viene spiegato, perché non è possibile spiegare, è quali siano le risorse che si possono utilizzare per questa finalità!

Abbiamo sempre creduto nell’autonomia delle Organizzazioni Sindacali svincolata dalle dinamiche e dai condizionamenti partitici e politici, e crediamo che il Nostro Sindacato in particolare si sia sempre dimostrato equidistante da posizioni di chi governa, a tutti i livelli. E abbiamo sempre sostenuto che l’unità sindacale fosse un valore aggiunto, che si esprimeva nella diversità di opinioni e di stile, ma con l’obiettivo comune che è quello della tutela del personale. Per essere credibili nei confronti dei Lavoratori che rappresentiamo.

Con il percorso che avevamo avviato insieme a CGIL e CISL nel dicembre scorso, a garantire organici adeguati in tutta l’ULSS 3 per un’assistenza di qualità, avevamo raggiunto i primi risultati, ovvero l’avvio di alcune riorganizzazioni che comportavano il ridimensionamento di attività per far fronte a carichi di lavoro sempre più ingravescenti, e l’impegno ad assumere personale straordinario per coprire carenze strutturali di organico.

Questa improvvisa iniziativa, assieme al voltafaccia rispetto a posizioni assunte su alcuni argomenti – vedi la definizione del regolamento sugli incarichi di funzione e organizzazione – alimentano il sospetto che i delegati della CISL abbiano improvvisamente “dichiarato guerra” all’Azienda per motivi che non riusciamo a comprendere……

L’effetto di ciò è semplicemente la rottura delle relazioni con le altre OOSS, e determina quello che la storia ci insegna DA SEMPRE e che è l’unica cosa da evitare. Ovvero DIVIDI ET IMPERA.

Come Organizzazione restiamo con i piedi per terra, e cerchiamo di essere pragmatici e, soprattutto seri. Contrariamente alla CISL i cui delegati non si sono visti, abbiamo partecipato domenica 31 marzo all’iniziativa a sostegno dell’Ospedale Civile e sabato 30 a quella a sostegno dell’Ospedale di Chioggia. Già, è certamente più semplice nascondersi dietro alla tastiera di un computer a fare un comunicato stampa domenicale, piuttosto che essere in prima linea a fianco di cittadini e lavoratori….

Nelle prossime settimane, unitamente alla CGIL, organizzeremo degli incontri con il personale per spiegare proprio quanto sta succedendo dopo l’approvazione delle schede, con l’obiettivo di portare il nostro dissenso a Palazzo Balbi attraverso una forte mobilitazione che coinvolga anche altri territori, poiché riteniamo che enormi siano le responsabilità dei vertici regionali che, oltretutto, impongono importanti vincoli sul turn-over dell’organico. Chissà perché anche su questa proposta la CISL è sempre stata poco convinta. Noi una risposta ce l’abbiamo.

 

Presenti al tavolo, per la UIL FPL  Roberto Crivellaro, Luca Favaretto e Giuseppe Puglisi, oltre a Monica CatulloMarco Giovanni Scianna e Stefano Boscolo Agostini componenti UIL in RSU.

29Mar2019
28Mar2019

Firmata la preintesa del Ccnl Coop Sociale 2017-2019!

Dopo oltre 14 ore di Non Stop, il 28 Marzo 2019 e’ stata siglata a Roma, tra le Centrali Cooperative LegaCoop, ConfCooperative, AgciLazio e le OO.SS Uil Fpl, Uil Tucs, Cgil Fp, Cisl Fp e Cisl Fisascat la preintesa sul rinnovo del Ccnl Coop Sociali 2017/2019. Significativi gli aggiornamenti sulla parte normativa e sociale:

  • – esclusi dal comporto di malattia i casi di gravi patologie oncologiche, cronico degenerative ingravescenti comprovate da documentazione medica, le giornate per le terapie salvavita e di ricovero ospedaliero;
  • – riconosciute le 11 ore di riposo tra un turno e l altro;
  • – inserito l istituto di vestizione e svestizione, da definire in fase decentrata
  • – per quanto attiene l’assetto economico e normativo si fa riferimento a quanto previsto dal presente Ccnl. Questo fa sperare di superare i tanti contenziosi sparsi su tutto il territorio in merito alla erogazione dei primi 3 giorni di malattia.
  • – inserito di una clausola di stabilizzazione che prevede la trasformazione del 20% dei lavoratori con contratto a termine;
  • – rivisitato l’art.47 sull’inquadramento del personale ed inserite nuove figure professionali;
  • – istituito un nuovo articolo sul congedo per le donne vittime di violenza di genere;
  • – evidenziata la mensilizzazione delle retribuzioni previste nell’art 75;
  • – istituito il Premio Territoriale Retributivo con definizione nelle trattative di secondo livello

Per quanto riguarda la parte economica, le parti hanno convenuto di dare copertura sulla base di parametri condivisi al periodo 1 Gennaio 2017 – 31 Dicembre 2019 con l’erogazione di una-tantum di 300 euro che sara’ corrisposta ai lavoratori in 2 tranches, 200€ all’atto della sottoscrizione e 100€ nel mese di Luglio 2019.

Oltre all’una-tantum le parti convengono di incrementare i minimi conglobati della retribuzione con le decorrenze individuate in 35 euro a Novembre 2019 al livello C1, 25 euro ad Aprile 2020 al Livello C1, 20 euro a Settembre 2020 al Livello C1.

Inoltre le parti convengono di innalzare la percentuale destinata alla previdenza complementare di cui all’art.86 dello 0.5% aggiuntivo a quanto previsto.
Per la Copertura dell’assistenza sanitaria integrativa e’ dovuto un contributo per ogni lavoratore pari a 5 euro mensili.

“Un contratto che ha richiesto presenza e lavoro ma che ha prodotto i suoi risultati. Non possiamo che auspicare come l’impegno e la comunicazione posta nel rinnovo di questo contratto, possa essere d’esempio e motivo al proseguio delle trattative in altri tavoli, a partire da quello della sanita’ privata le cui richieste ed il silenzio posto demotiva e danneggia i tanti lavoratori che attendono da oltre 12 anni il suo rinnovo. Voglio rivolgere un ringraziamento alla delegazione trattante della UIL FPL per il lavoro svolto: Bartolomeo Perna, Pietro Bardoscia, Federica Bonaldo, Rossella Buccarello, Monica Di Angelo, Antonio Imbriani, Alessandro Micello, Michele Nessenza“, ha dichiarato il Seg.Gen. Michelangelo Librandi.

A breve tutti i dettagli.

25Mar2019

Pubblichiamo integralmente il comunicato di #nonunadimeno che ha organizzato la grande Manifestazione a Verona prevista per il prossimo 30 marzo al quale ha aderito anche la UIL.


Clima piuttosto “caldo” a Verona a causa della conferenza internazionale delle famiglie che si terrà il prossimo fine settimana, dal 29 al 31 marzo, proprio nella città scaligera. In occasione del Congresso Mondiale delle Famiglie (World Congress of Families, WCF) che si terrà a Verona il 29-30-31 marzo, Non Una di Meno, rete femminista estesa su tutto il territorio italiano, convoca un corteo e tre giorni di mobilitazioni per parlare di diritti delle donne e delle persone LGBTQI. Non Una di Meno era già entrata in azione contro la mozione “Verona Città a favore della Vita (che finanzia associazioni legate ai movimenti antiabortisti e che è stata presentata in molte altre città).

La tre giorni, organizzata da NUDM e chiamata “Verona Città Transfemminista” sarà contestuale a quella del WCF. Tra le iniziative: convegni per raccontare come è nata e come si è diffusa la cosiddetta “ideologia del gender”, con ricercatrici europee; laboratori di piazza per insegnanti sull’educazione contro sessismo e razzismo nella formazione; proiezione del documentario “Aborto, le nuove crociate”, della TV franco-tedesca Arté sugli attacchi a livello internazionale alle leggi che regolano l’aborto; proiezione del cortometraggio sulle lotte della comunità LGBTQ in Uganda con Najib Kabuye, protagonista e attivista LGBTQI ugandese.

Sabato 30 marzo NUDM ha lanciato un corteo a cui parteciperanno altri movimenti italiani e internazionali e per domenica ha organizzato un’assemblea femminista internazionale a cui saranno presenti Marta Dillon (Ni Una Menos Argentina), attiviste dall’Irlanda, dalla Polonia, dalla Francia e dai Paesi Bassi, tra le altre.

Perché mobilitarsi contro il Congresso mondiale delle famiglie

Verona, la città del ministro Fontana si candida a essere la capitale europea della reazione antifemminista con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, annunciato e poi revocato ma non rimosso dal sito del Congresso, e quello della Regione Veneto. All’incontro, oltre al Vicepresidente del Consiglio e Ministro dell’Interno Matteo Salvini, ci saranno: il Ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana, il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il senatore della Lega Simone Pillon, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il sindaco di Verona Federico Sboarina, la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, il presidente del Family Day Massimo Gandolfini. E ci saranno esponenti politici di governi dove l’omosessualità è reato o viene perseguita, dove l’aborto è illegale o dove vengono sistematicamente presentati progetti di legge per renderlo tale, come in Polonia.

Proprio l’Arcigay ha fatto sapere di aver organizzato una grande manifestazione di protesta fissata per sabato 30 marzo. In particolare si legge nella nota “Si svolgeranno in città moltissime iniziative organizzate dai diversi attori della società civile per contestare le idee da medioevo che quell’appuntamento propone.

Alle ore 14.30 di sabato 30 marzo in Piazzale XXV Aprile (stazione di Verona Porta Nuova) partirà il grande corteo unitario di protesta”. #lauilc’è

 

 

 

19Mar2019

Lo scorso 13 marzo, la Giunta Regionale del Veneto ha approvato le nuove Schede Ospedaliere, dopo una lunga discussione con tutti gli organi interessati. Vengono mantenuti i 68 ospedali, 754 reparti con altrettanti primari, 19.800 posti letto complessivi, dei quali 17.852 per acuti e 1.948 nelle strutture intermedie, come ospedali di comunità, hospice e unità riabilitative territoriali.

In allegato il Comunicato ufficiale della Regione Veneto, il dettaglio analitico delle schede come definite dalla nuova programmazione e qualche articolo di stampa.

COMUNICATO STAMPA REGIONE

Comunicato Giunta Regionale Veneto su schede ospedaliere 2019

clicca qui per scaricare

DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE CR 22

CR22

clicca qui per scaricare

SCHEDE SCHEMA SINTETICO

Schede_numeri

clicca qui per scaricare

SCHEDE COMPLETE NEL DETTAGLIO

CR22_allegati

clicca qui per scaricare

 

A3

clicca per scaricare

A2

clicca per scaricare

A1

clicca per scaricare

19Mar2019

Finalmente siglato, lo scorso 18 marzo, il Contratto Decentrato Integrativo al Comune di Eraclea.

“Siamo molto soddisfatti – commenta Giovanni Zennaro Segretario UIL FPLdopo mesi di trattative siamo riusciti a definire la parte normativa di Contratto, pur con qualche difficoltà. Siamo ora in fase di definizione in merito alla destinazione delle risorse economiche decentrate integrative destinate ai progetti, alle progressioni orizzontali e alla performance collettiva e individuale”.

In allegato l’accordo sottoscritto che potrete trovare anche nella pagina dedicata al comune http://www.uilfplvenezia.it/amministrazioni-comunale/eraclea insieme ad altra documentazione.

CCDI.2019.2021 ok

Clicca qui per scaricarlo.

14Mar2019

Lo scorso 13 marzo si è svolta l’assemblea con i Lavoratori del Centro Servizi Anziani CSA Stella Maris degli Alberoni.

Il personale ha manifestato la propria preoccupazione per la ipotesi di vendita della struttura con conseguente passaggio in gestione ad una cooperativa. Com’è noto oggi il personale è gestito dalla Fondazione Opera San Camillo che applica il contratto UNEBA. I Lavoratori, a gran voce, chiedono rassicurazioni e garanzie occupazionali e il mantenimento del trattamento economico in essere.

All’assemblea che è stata convocata da CGIL, CISL e UIL erano presenti, oltre ai delegati aziendali, solo i Segretari della Uil Fpl Pietro Polo e Federica Bonaldo, che hanno rassicurato il personale sull’impegno che verrà messo in campo per la tutela dei loro diritti.

“Sono molto soddisfatto della partecipazione dei colleghi all’assemblea e dell’impegno della mia organizzazione” – sostiene il Delegato Aziendale UIL FPL Gianluca Vido – “nel prossimo futuro dovremo affrontare un percorso non facile e solamente con il sostegno di tutti si possono raggiungere gli obiettivi”.

Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.