NOTIZIE ULSS 4

Rieccoci il 10 settembre ad un nuovo incontro con l’Amministrazione dell’ULSS 4, diversi gli argomenti all’Ordine del Giorno.

Inizialmente ci viene proposto un accordo che comporta l’utilizzo di una parte di risorse di cui al fondo art.81 dedicate al WELFARE AZIENDALE, per la stipula di una polizza che assicura il dipendente in caso di patologie quali ictus, patologia oncologia o infarto.

“Una proposta innovativa e sicuramente interessante che recepisce le nuove norme del CCNL – dice Francesco Menegazzi Segretario UIL FPL Venezia – tuttavia crediamo che ci sia bisogno di un confronto con le altre sigle e unitamente all’RSU (convocata il 25 settembre p.v.), e la massima condivisione e trasparenza, poiché vengono utilizzate quote del fondo dell’art.81 (circa 45.000 euro). Per quello abbiamo chiesto che ci venga presentata la polizza dagli addetti ai lavori, che comunque non costerà nulla ai Lavoratori. Non appena le cose saranno più chiare siamo disponibili a sottoscrivere l’accordo”.

Successivamente siamo stati informati degli investimenti e lavori previsti per gli SPOGLIATOI, in particolare per l’Ospedale di San Donà, per i quali dovranno essere acquistati 500 nuovi armadietti per i 3 presidi e adeguata l’impiantistica oltre che l’impianto di areazione.

“Una bella e importante notizia per il personale – esultano Carla Castelletto e Monica Furlanetto delegate UIL presenti al tavolo – abbiamo chiesto certezza sui tempi e ci è stato ipotizzato che il tutto verrà ultimato entro fine anno, ringraziamo le Lavoratrici e i Lavoratori che hanno sostenuto la raccolta di firme che c’è stata in questi mesi ed è stata promossa da una nostra iscritta”.

Sulla proposta di esternalizzazione del CENTRALINO e PORTINERIA di San Donà, siamo stati informati che una volta ottenuto l’ok della Regione, si procederà alla ricollocazione del personale. Purtroppo però i tempi non dipendono dall’Azienda, che comunque ha avviato formalmente il percorso.

A margine abbiamo chiesto chiarimenti sulla modalità di conteggio del TEMPO DI VESTIZIONE perché non riteniamo che debba essere previsto orario supplementare settimanale al personale diurnista e giornaliero, che avrebbe la possibilità di cambiarsi durante l’orario di servizio, poiché questo meccanismo rischia di generare orario straordinario. L’Azienda si è impegnata a fare un’ulteriore analisi, anche sul tema del conteggio delle indennità per il quale abbiamo chiesto di riaprire il tavolo tecnico.

Infine, disco rosso sulla questione FASCE, la Direzione Aziendale ritiene non opportuno riaprire il confronto e quindi modificare l’accordo esistente fintanto che la stessa richiesta non venga formulata anche da altre Organizzazioni Sindacali. Non ci resta che invitare i Lavoratori a stimolare i propri rappresentanti sindacali…..

Da parte nostra, ribadiremo la nostra richiesta di discutere dell’argomento nella prossima trattativa, e formuleremo una proposta di modifica dell’accordo esistente che sostanzialmente consideri l’anzianità di fascia anziché quella complessiva, per dare la possibilità al personale fermo da più tempo di avere un punteggio maggiore e rendere il meccanismo più equo.

In allegato il comunicato

Comunicato UIL 10-2019 ULSS4 trattativa

 

Si è svolto anche nel mese di agosto il consueto incontro di delegazione trattante in ULSS 4, all’Ordine del giorno nella seduta del giorno 20, l’argomento legato alla videosorveglianza per il quale è stato siglato un’accordo in ottemperanza con quanto previsto dalla Legge 300/1970 e le nuove norme sulla privacy.

Ci è stato poi illustrato lo stato dell’arte relativamente all’applicazione della DGR 1075/2017 che riguarda la riorganizzazione dell’ADI, non verrà appaltato il servizio di prelievi, e fintano che non sarà assunto il personale richiesto non verrà effettuata alcuna modifica organizzativa.

Una notizia clamorosa che crea un precedente importante in Regione – afferma Francesco Menegazzi – il fatto che siano state autorizzate le assunzioni significa un passo indietro rispetto all’appalto del servizio, scelta per la quale avevamo manifestato tutta la nostra contrarietà”.

Passo indietro anche sul protocollo che era stato attivato per l’esecuzione della TAC con mezzo di contrasto, in assenza del medico radiologo, ci è stato detto che ora sono stati assunti dei medici radiologi per cui il problema non si pone e la procedura non verrà attuata.

L’azienda invece intende avviare la riorganizzazione del servizio di fisioterapia già da metà settembre, secondo la proposta già presentataci che però non ci vede convinti. Sulla questione comunque ci confronteremo con il personale quanto prima.

Abbiamo infine chiesto di mettere all’OdG della prossima trattativa una proposta di revisione dell’accordo sulle fasce che entri in vigore già dal 2019, con l’obiettivo di smorzare le storture determinatesi dall’applicazione con le regole attuali. Su tale proposta le altre Organizzazioni, in particolar modo la CISL, si sono dette assolutamente contrarie.

“Possibile che non ci si renda conto dell’iniquità dell’applicazione dell’accordo 2018??? – sostiene Francesco Menegazzi – Come si può sostenere ANCORA che sia un buon accordo! Chi ha preso la fascia nel 2016 e 2018 la prenderà per la terza volta ancora nel 2020, mentre qualcuno, e non sono pochi, è fermo dal 2005. E’ inaccettabile! Equo per chi?? E’ sempre antipatico fare nomi e cognomi, ma andatevi a vedere chi è riuscito a prenderla per 2 volta in 3 anni nell’elenco delle graduatorie, a pagina 34….. è logico che “qualcuno” non voglia modificarlo…. BISOGNA CONSIDERARE L’ANZIANITA’ DI PERMANENZA NELLA FASCIA, criterio che viene utilizzato dappertutto. C’è bisogno però anche del sostegno di tutto il personale per rivedere l’accordo – prosegue Menegazzi – nelle prossime settimane vi informeremo su come abbiamo intenzione di muoverci”. 

Al tavolo per la UIL FPL anche Carla Castelletto e Giovanna Zorzetto, oltre che Marzia Brollo,  componente UIL in RSU.

Clicca qui per scaricare il comunicato.

Anche in estate proseguono gli incontri con l’Azienda. Nell’ultimo confronto del 16 luglio abbiamo definito alcune questioni riguardante vari argomenti, dalla produttività, per la quale sono garantite le quote anche per il 2019, all’avvio della pronta disponibilità per il personale tecnico afferente ai magazzini. Controversa invece la proposta sulla riorganizzazione delle attività dei Tecnici delle Prevenzione, per la quale l’Azienda ci ha presentato una proposta che non condividiamo.

Sulla questione delle fasce invece resta l’amarezza di aver avuto ragione. “Gli esiti dell’accordo sono sotto gli occhi di tutti – afferma Francesco MenegazziLavoratori che da più anni attendono il passaggio si sono visti scavalcare da altri colleghi che il passaggio lo hanno maturato anni dopo, addirittura anche 3 volte, e qualcuno ancora ha il coraggio di dire che è un accordo equo…. Un accordo – prosegue Menegazzi che non abbiamo sottoscritto proprio perché sapevamo che avrebbe determinato questi disastri. Ora vogliamo riaprire il confronto on l’Azienda per porre dei correttivi, ma cercheremo di coinvolgere anche e soprattutto l’RSU per cambiare alcune regole. Se necessario avvieremo anche una raccolta firme tra il personale”.  

In allegato i due comunicati relativi alla questione delle fasce e degli argomenti trattati all’incontro.

Scarica il comunicato 5

Comunicato UIL 5-2019 ULSS4 fasce

Scarica il comunicato 6

Comunicato UIL 6-2019 ULSS4

Clicca qui per scaricare l’accordo sulla produttività.
Clicca qui per scaricare l’accordo sulla pronta disponibilità del magazzino.

Nella trattativa dello scorso 11 giugno abbiamo discusso di PRONTA DISPONIBILITA’ presso i magazzini, INDENNITA’ ART.86 per coordinatori area territoriale, CARENZA ORGANICO presso il SIT/laboratori, e WELFARE AZIENDALE.

Nel consueto comunicato la sintesi di quanto discusso.

Ci è stato poi confermato il pagamento delle FASCE 2018 a giugno dove, come sempre sostenuto dalla nostra organizzazione, dimostreremo l’iniquità dell’accordo che come UIL FPL non abbiamo sottoscritto l’anno scorso, firmato invece da tutte le altre sigle esclusa l’FSI. 

Scarica il comunicato.

Comunicato UIL 4-2019 ULSS4

 

Riprese il giorno 9 aprile le trattative con l’Azienda ULSS 4, all’Ordine del Giorno la presentazione della STAGIONE ESTIVA 2019, che non prevede grandi novità sostanziali rispetto al passato, lo stato dell’arte nell’applicazione della DGR 1075/2017 di RIORGANIZZAZIONE DELL’ADI, e la valutazione della situazione delle PORTINERIE.

In sintesi, un incontro informativo ed interlocutorio. Ci sarà ancora da aspettare per il pagamento delle PROGRESSIONI ORIZZONTALI 2018, a causa della verifica degli ultimi ricorsi presentati. “Il risultato finale – afferma Francesco Menegazzi – sarà comunque discutibile, poiché siamo convinti dell’iniquità dell’accordo che determinerà effetti spiacevoli quanto prevedibili, a causa della scelta, non condivisa da questa Organizzazione Sindacale, di prevedere graduatorie nelle quali venisse dato un punteggio di anzianità complessiva senza considerare l’anzianità di fascia. Saremo in grado di dimostrarlo dati alla mano”.    

Presenti al tavolo per la UIL FPL il Segretario Francesco Menegazzi e Carla Castelletto componente UIL in RSU.

In allegato il comunicato n°3/2019 della UIL FPL. Clicca qui per scaricare.

Comunicato UIL 3-2019 ULSS4

Appuntamento mensile con la Dirigenza dell’ULSS 4, dove lo scorso 12 marzo, si è svolta la consueta trattativa con il comparto.

Pochi gli argomenti all’Ordine del Giorno, si è discusso della disciplina di permessi e dell’applicazione dell’istituto delle ferie solidali, siamo stati informati della prossima applicazione di nuove videocamere di sorveglianza e dell’avvio dell’indagine sul clima aziendale.

Ancora fumata nera sul tema delle FASCE 2018, le graduatorie devono ancora essere ultimate, sono state leggermente modificate dai ricorsi presentati da qualche Lavoratore. Resta comunque inalterato il principio che premierà il personale con l’anzianità maturata complessivamente, senza contare quella di permanenza nella fascia, con l’effetto, da sempre segnalato dalla UIL FPL, che molti Lavoratori che hanno preso la fascia per l’ultima volta nel 2005, verranno scavalcati da altri che l’anno percepita negli anni successivi. Non appena verranno pubblicate sarà nostra premura fare un’analisi dettagliata dell’effetto dell’accordo.

Presenti per la UIL FPL oltre al Segretario Francesco Menegazzi, anche Carla Castelletto e Oreste Montagner.

In allegato il consueto comunicato che potete scaricare cliccando qui.

Comunicato UIL 2-2019 ULSS4

Giornata particolarmente produttiva in ULSS 4, dove lo scorso 12 febbraio in poche ore sono stati firmati una serie di accordi su diversi argomenti oggetto di discussione nei mesi scorsi.

E’ stato infatti siglato l’accordo che disciplina il Regolamento per l’assegnazione degli incarichi di organizzazione e di funzione, che recepisce le nuove norme introdotte dal CCNL, e che sostanzialmente conferma le proposte presentate dalle OOSS al tavolo. In sintesi, verranno riproposti nuovi bandi per gli incarichi di funzione (le ex-PO), mentre per gli incarichi ex-legge 43/2006, in fase di prima applicazione, è prevista la conferma della posizione assunta a condizione che lo stesso sia stato assegnato previa procedura selettiva e che sia stato valutato positivamente. Per quanto riguarda le nuove pesature e l’avvio delle procedure ci verrà presentata a breve una nuova mappatura.

Abbiamo anche firmato l’accordo che integra il Regolamento aziendale per l’utilizzo e l’accesso alla mensa e che estende al personale turnista che effettua il turno al mattino di poter accedere alla mensa negli orari di apertura (12-15), estendendo il beneficio ad una platea più ampia di dipendenti oltre a coloro che effettuano il rientro pomeridiano.

Infine, abbiamo concordato di modificare quanto già definito nelle Schede di valutazione, prevedendo anche per il personale delle categorie A, B, Bs che venga inserito un punteggio per il raggiungimento degli obiettivi (che prima era “facoltativo”) per creare omogeneità di giudizio tra i servizi.

Tante altre informazioni sulla nostra pagina dedicata http://www.uilfplvenezia.it/sanita-pubblica/ulss-4/

Chiusa la questione sulle progressioni orizzontali con l’accordo del 9 ottobre scorso che, RICORDIAMO, non abbiamo firmato insieme all’FSI, e psuedolegittimato dalla assemblee farsa delle scorse settimane, sono riprese lunedì 11 dicembre le trattative con l’Amministrazione dell’ULSS 4 dove si è discusso di corresponsione delle indennità di turno, incarichi di funzione, mensa e formazione.

“Sulle indennità abbiamo chiesto di ritornare alla precedente modalità – dice Francesco Menegazzi Segretario Provinciale – poiché il CCNL non vieta che possano essere applicate le condizioni di miglior favore, speriamo di definire tutto nel prossimo incontro. Così come ci auguriamo di chiudere anche l’applicazione del nuovo impianto sugli incarichi di funzione, anche se riteniamo sia necessario modificare alcuni aspetti del regolamento”

“Siamo riusciti ad apportare alcune modifiche sul regolamento della mensa – aggiunge Oreste Montagner, componente UIL in RSU – garantendone l’utilizzo anche al personale turnista che era stato inizialmente escluso”.

Presenti al tavolo all’incontro anche Giovanna Zorzetto e Carla Castelletto, delegate aziendali della UIL.

Clicca qui per scaricare il comunicato.

Comunicato UIL 10-2018 ULSS4

 

Ricordiamo che nelle prossime settimane sono in distribuzione l’agendina e il gadget di fine anno a tutti i nostri iscritti. Auguriamo a Voi tutti e alle Vostre famiglie i migliori auguri di buone festività e di uno splendido 2019.

 

 

Nel consueto incontro mensile dello scorso 13 novembre oltre alla rendicontazione relativa ai piani di razionalizzazione dell’anno 2017, per ora congelati nel fondo produttività, si è discusso del nuovo Regolamento sull’assegnazione degli INCARICHI DI FUNZIONE, così come previsto dal nuovo CCNL che, com’è noto, modifica l’esistente organizzazione.

“E’ stata una discussione interessante e produttivaafferma Francesco Menegazzi Segretario Provinciale UIL FPL presente al tavolo insieme ai delegati aziendali Oreste Montagner, Giovanna Zorzetto, Marzia Brollo e Carla Castelletto  l’Azienda ha proposto una bozza di regolamento certamente migliorabile, per l’assegnazione dei nuovi incarichi. Non siamo tuttavia d’accordo, e su questo c’è il pieno consenso di RSU e delle altre sigle, di prevedere un rinnovo tout court degli incarichi delle ex posizioni organizzative così come proposto, poiché il CCNL è chiaro e prevede che vengano effettuati nuovi bandi con le regole che concorderemo, mentre sui coordinamenti esistenti, se non modificati dall’atto aziendale, è lecito che si proceda al rinnovo”.

E’ stata segnalata l’inopportuna decisione di aumentare (delibera 949 del 2 novembre scorso) l’indennità di parte variabile ad una posizione di coordinamento, coincidenza decisamente spiacevole proprio quando si sta discutendo dell’impianto complessivo. “Su questo non possiamo transigere e, insieme alle altre OOSS, chiederemo il ritiro della delibera”. taglia corto Menegazzi.

Infine, è stato formalizzato anche attraverso la firma dell’RSU, l’accordo sottoscritto il mese scorso sulle FASCE 2018. E’ curioso come per un aspetto economico di così grande importanza che interessa moltissimi Lavoratori, non siano state fatte PER TEMPO  le assemblee con il personale, che comunque sono in programma:

  • JESOLO                           Sala Riunioni                           5 dicembre ore 14.00-15.00
  •  SAN DONÀ                    Uffici Centrali                          6 dicembre ore 12.00-13.00
  •  SAN DONÀ                    Ospedale Aula Girardi            6 dicembre ore 14.00-16.00
  •  PORTOGRUARO          Distretto Aula De Salvia        7 dicembre ore 14.00-16.00

Invitiamo tutti i Lavoratori a partecipare e far partecipare, avremmo la possibilità di spiegare le motivazioni della nostra NON FIRMA, poiché risulterà penalizzato il personale che da più tempo aspetta il passaggio di fascia.

Comunicato UIL 9-2018 ULSS4

 

Clicca qui per scaricare il comunicato.

Nella trattativa del 9 ottobre, è stata siglata la preintesa tra l’ULSS 4 e la maggioranza delle Organizzazioni Sindacali sulle PROGRESSIONI ECONOMICHE per l’anno 2018. Purtroppo ha vinto la linea di CGIL e CISL che hanno firmato un accordo che prevede graduatorie distinte per ruolo, categoria e fascia, anziché una graduatoria unica che avrebbe garantito maggiormente il personale.
“Non abbiamo firmato perché verrà penalizzato il personale che da più tempo attende un passaggio di fascia, determinando le stesse conseguenze dell’anno scorso – dice Francesco Menegazzi Segretario Provinciale UIL FPL – soprattutto per il ruolo sanitario. Ne conseguirà che coloro che hanno percepito l’ultima fascia nel 2005 potranno essere scavalcati da chi l’ha avuta negli anni successivi. Sarebbe stato sufficiente – prosegue Menegazzi – considerare l’anzianità di permanenza nella fascia per smorzarne l’effetto, ma nemmeno questo accorgimento è stato preso in considerazione. Saremo in grado di dimostrare in modo chiaro e dettagliato gli effetti dell’applicazione non appena verranno pubblicate le graduatorie stesse. Ci auguriamo che vengano al più presto convocate le assemblee con il personale dove ci venga data la possibilità di esprimere il nostro punto di vista”. 
Per la UIL erano presenti al tavolo Giovanna Zorzetto, mentre Oreste Montagner era presente in qualità di componenti dell’Esecutivo RSU.
In allegato
Clicca nella pagina dedicata all’ULSS per ulteriori informazioni http://www.uilfplvenezia.it/sanita-pubblica/ulss-4/