NOTIZIE IPAB

Si è svolta questa mattina, 22 ottobre, una grande manifestazione contro la giunta regionale del Veneto per sollecitare l”importante riforma del sistema delle IPAB, fermo da più di 18 anni. È fondamentale arrivare alla approvazione della Legge di riforma entro questa legislatura, per la tutela della qualità dell’assistenza residenziale degli anziani e delle condizioni di lavoro dei dipendenti.

La situazione è diventata insostenibile – dice Giovanni Zennaro della Segreteria Provinciale UIL FPL Venezia – e ormai al personale vengono sempre più richieste competenze tecniche e il miglioramento del livello dei servizi di cura.”

Con la riforma, oltre a quanto precedentemente reclamato abbiamo chiesto di adeguare le dotazioni organiche del personale ad un moderno sistema di accoglienza e di qualità con la rivisitazione degli Standard Assistenziali previsti dalla Legge Regionale 22 del 2002 e fermi da più di 30 anni, l’adeguamento dell’IRAP tra strutture Pubbliche e Private, la conservazione di un patrimonio pubblico.

Le IPAB – prosegue Zennaroche non hanno fini di lucro, devono rimanere pubbliche trasformandosi in A.P.S.P. (Azienda Pubblica di Servizio alla Persona)”.

Scarica il comunicato unitario di Cgil Cisl e Uil confederali.

CS_ LANZARIN ipab 22ottobre

«La Regione approvi la legge di riforma sugli Ipab e non privilegi le strutture private».

È il messaggio lanciato da Uil Veneto durante il presidio di mercoledì mattina a Piazzale Roma.

 

BASTA AI CONTINUI RINVII DELLA RIFORMA DELLE IPAB!!

E’ dal 2000 che aspettiamo la riforma del settore e dopo 12 progetti di legge presentati dal 2001 ad oggi siamo allo stallo. Il PdL  n°25/2015 è ancora ferma in V^ Commissione Consigliare, ma non c’è davvero più tempo da perdere e per questo abbiamo deciso di avviare forme concrete di mobilitazione e protesta, che vadano oltre i demagogici slogan.

 

IPAB volantino UILP UILFPL UIL 13.11.18

 

Per scaricare il volantino clicca qui.

 

 

Niente da fare. Nessuna risposta chiara per il futuro del personale della Casa di riposo “Monumento ai Caduti in guerra” di San Donà di Piave. Non sono state infatti accolte le richieste di mantenere la struttura pubblica con contratto degli EELL, ma è stata ribadito il passaggio in cessione di ramo d’Azienda alla Cooperativa Socio Culturale, società di Marghera che si occupa di servizi socio-assistenziali nel territorio.