NEWS GENERALI

Ripresi il 18 settembre gli incontri con l’Azienda ULSS 3, moltissimi gli argomenti sui quali ci siamo confrontati.

Inizialmente la Dirigente del PO di Mestre, Dr.ssa Berti, ci ha illustrato il piano di riorganizzazione per l’attività di Sala Operatoria all’Ospedale dell’Angelo che prevede l’istituzione di un nuovo protocollo per la gestione delle urgenze diurne e notturne e attraverso processi per intensità di cure dell’attività ordinaria di sala operatoria. Tutti i componenti delle equipe avranno riunioni settimanali e mensili per la programmazione delle sale in modo che venga assicurata l’attività senza sovrapposizioni e per garantire l’abbattimento delle liste d’attesa. Il nuovo modello, che partirà dal 1°ottobre, è sintesi di un confronto con tutte le professionalità che lavorano nella sala operatoria, (anestesisti, chirurghi, infermieri, operatori socio sanitari e tecnici) che hanno condiviso il percorso con la Direzione Medica e il Servizio Professioni Sanitarie. “Dopo le assemblee con il personale dei mesi scorsi – dice Roberto Crivellaro della Segreteria Aziendale e componente RSU della Uil Fpl avevamo concordato con la Direzione Generale la sospensione dello stato di agitazione del personale delle sale a fronte dell’impegno a rivedere l’organizzazione e l’eventuale implementazione della dotazione di personale. Come Uil Fpl, apprezziamo l’impegno e lo sforzo dimostrato dalla Direzione Medica e dal Servizio delle Professioni – prosegue Crivellaro attraverso il coordinamento della Dr.ssa Berti, che dobbiamo riconoscere, da subito dopo il suo incarico ha preso a cuore la situazione organizzativa e del personale delle sale operatorie. Naturalmente questo processo è a medio e lungo termine, ma speriamo che già nel breve periodo si attenui le situazioni di stress e malessere esposte dal personale nelle assemblee, per questo verificheremo l’andamento del processo di  riorganizzazione anche attraverso incontri con il personale coinvolto”.

Siamo stati informati anche dello stato dell’arte della ristrutturazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale dell’Angelo che purtroppo dureranno più del previsto. In merito al problema delle aggressioni, ci è stato detto che verranno avviati incontri di sostegno con il personale, coordinati dal Servizio di Psicologia Ospedaliera, e che verrà programmato a breve un gruppo di lavoro con SPP e gli RLS. Abbiamo infine ribadito la necessità di affiggere al più presto apposita modulistica che invita l’utenza a rispettare il personale senza lasciarsi andare a episodi di aggressività. Nelle prossime settimane dovrebbe essere convocato il tavolo di confronto sugli organici richiesto da UIL insieme a CGIL. Infine ci viene detto che una parte dell’attività dell’Urologia verrà trasferita presso il Week Surgery al piano -1, con l’attivazione di posti letto h24 in ottemperanza a quanto specificato nelle nuove schede ospedaliere.

Sul tema delle Progressioni Economiche Orizzontali 2019, l’Azienda ci ha informato che sta elaborando una proposta di testo che venga incontro alle richieste delle OOSS, finalizzata a dare l’opportunità di un passaggio a tutto il personale nell’arco del quinquennio 2015-2019. “Al tavolo tecnico abbiamo cercato di proporre alcune modifiche al Regolamento per consentire un’equa distribuzione delle risorse – afferma Monica Catullo componente Uil Fpl in Esecutivo RSU – Dovrà essere considerata l’anzianità di permanenza nella fascia anziché l’anzianità complessiva, consentendo l’accesso a coloro che sono assunti in ULSS 3 da almeno 2 anni e un limite di 4 anni per i neo assunti”. Ci verrà proposta per il 2020 una nuova scheda di valutazione unica per produttività e fasce, con items diversi per un punteggio in 60esimi,  dove resta 36 il punteggio minimo di sufficienza. “Sarà necessario un maggiore coinvolgimento dei coordinatori nel processo della valutazione – continua Catullo – ma anche rivedere le modalità di accesso al ricorso, che dovrà essere consentito a tutti, non solo a chi ha un punteggio inferiore a 36″. È stato concordato un prossimo incontro tecnico dopo le simulazioni per evitare disparità di percentuale di passaggi di fascia nelle varie categorie, e definire la firma del nuovo accordo per le future progressioni orizzontali con il mese di ottobre.

È stata poi confermata l’erogazione del saldo economico del 20% della produttività con la mensilità di settembre con le quote diversificate per le diverse categorie e soggette alle riduzioni dovute alle assenze che superano la franchigia (clicca qui per scaricare l’accordo del 12.9.2018).

   quota a saldo
A  €  288,00 
B  €  288,00 
Bs  €  321,00 
C  €  348,00 
D  €  390,00 
Ds €  441,00

Sulla spinosa questione del richiamo in servizio la Dr.ssa Perini delle Professioni Sanitarie ha spiegato i vari meccanismi di richiamo in servizio in base all’attuale regolamento (clicca qui per scaricarlo), e ha affermato che l’uso specifico degli sms non è ritenuto un canale ufficiale per le comunicazioni da e per l’azienda di qualsiasi natura (anche per le comunicazioni delle malattie ndr). “La questione va sicuramente approfondita – afferma Luca Favaretto componente Segreteria Aziendale e RSU Uil Fpl è necessario calendarizzare un incontro specifico per definire meglio le regole su coloro che hanno il compito di avviare la procedura e attivare il rientro in servizio e per chi ha il compito di rientrare in servizio salvaguardando il diritto al riposo. Per tali motivi attendiamo una ulteriore convocazione per licenziare l’argomento con un nuovo regolamento”.

Rinviata invece la discussione sul riconoscimento dell’orario flessibile al personale sanitario, così come per la nuova costruzione dle Regolamento degli RLS. A margine abbiamo ribadito l’assoluta contrarietà a far svolgere servizio di portineria al personale sanitario presso il Dipartimento di Prevenzione, invitando l’Azienda a trovare soluzioni diverse quali temporanei appalti con servizi di guardie giurate.

 

Infine, nelle prossime settimane, verrà pubblicata la delibera per il bando sugli incarichi di funzione, a completamento del percorso definito dall’accordo del 13 aprile scorso  sulla base dell’accordo sottoscritto da CGIL, UIL ed RSU (che qualcuno aveva detto avrebbe portato al massacro i Lavoratori ed che ora condividono in tante altre ULSS….. ), per assegnare i nuovi incarichi di coordinamento e funzione (ex PO) con le nuove pesature. Per questo motivo come UIL FPL abbiamo deciso di organizzare dei corsi di formazione per il personale che intende partecipare. Le informazioni potete trovarle sul link http://www.uilfplvenezia.it/corso-di-preparazione-alla-selezione-per-coordinatori-in-ulss-3/.

Per la UIL era presente anche Stefano Boscolo Agostini componente Esecutivo Rsu.

20190918 CGILUIL comunicato trattativa

Queste e altre informazioni sulla nostra pagina del nostro sito appositamente dedicata all’indirizzo http://www.uilfplvenezia.it/sanita-pubblica/ulss-3/.

Si è svolto mercoledì 18 settembre l’incontro con il Direttore Generale di Fondazione S.Camillo, alla presenza del Dr. Bassano e, Pietro Polo per la UIL FPL,  oltre ai segretari di Cgil e Cisl. Questo incontro è stato particolarmente importante perché ha consentito di riprendere normali relazioni sindacali con l’obiettivo di superare la spaccatura che si era creata tra Cgil e Cisl da una parte e Uil dall’altra.

Come UIL abbiamo ribadito la necessità di restituire peraltro la “titolarità della rappresentanza aziendale ” ai Delegati di Fondazione S.Camillo.

Abbiamo quindi individuato la data del prossimo 16 ottobre per effettuare un primo incontro con il Direttore Generale Dott. Bassano presso la struttura del S.Camillo al Lido. Nei prossimi giorni prepareremo un comunicato congiunto dove viene formalizzato questo impegno.

Con l’occasione abbiamo affrontato i temi più importanti sul tappeto: prospettive, progetti, sicurezza del posto di lavoro, organico…. ed abbiamo avuto garanzie da parte del Dr. Bassano e dalla proprietà, tuttavia dovremmo verificarle nel proseguo ed a fronte di verifiche puntuali e dettagliate. Sicuramente non va abbassata la guardia, anche perché abbiamo appena iniziato il confronto, che parallelamente è stato avviato anche con Codess per la gestione del CSA Stella Maris.

Il nostro impegno continua e sarà nostra premura tenervi informati.

 

#decentratovenezia

Con 1281 si e 404 no è stato approvato dal 63% dei Lavoratori il CCDI firmato il mese scorso. Grazie a tutti i lavoratori del Comune di Venezia che con il loro SI ci hanno sostenuto in questi anni di lotta e di incontri sindacali! Ci siamo sempre al fianco di tutti voi!

Scarica il comunicato di CGIL UIL CSA ed RSU.

Vedi la news su Venezia Today.

Comunicato decentrato comune

 

 

Nella mattinata di oggi 17 settembre, si è tenuto presso il Ministero della Salute a Roma, l’atteso confronto tra CGIL, CISL e UIL e le parti datoriali di AIOP e ARIS, insieme allo stesso neo Ministro Speranza e il Presidente della Conferenza Stato-Regioni Bonaccini.

A seguito delle rassicurazioni e garanzie avute di ripresa del confronto relativamente al recupero delle risorse economiche e alla convocazione delle parti nei prossimi giorni, CGIL, CISL e UIL hanno deciso di sospendere lo sciopero previsto per il prossimo venerdì 20 settembre con l’auspicio di una veloce chiusura del confrotno e la firma del contratto.

Nell’allegato, il comunicato unitario e il verbale dell’incontro.

Nota incontro Ministero Salute 17.9.2019

Verbale ministero 17 settembre 2019
nota unitaria incontro 19.9

 

Prosegue la vertenza per riconoscere alle Lavoratrici e Lavoratori di AMES, la società controllata del Comune di Venezia che gestisce farmacie e mense scolastiche, lo stipendio per tutto l’anno e non per soli 11 mesi come avviene oggi.

“Non è più possibile aspettare tempi migliori – dichiara Mario Ragnoil Comune di Venezia ha dichiarato di aver sanato il bilancio? Bene, adesso bisogna riconoscere il valore del lavoro di queste lavoratrici/ori che hanno diritto di avere una giusta retribuzione per 12 mesi e non 11. Siamo stanchi di questa continua autocelebrazione dell’operato, saremmo lieti se venisse riconosciuto anche il lavoro svolto da operatori che NON SONO DI SERIE B”. 

 

Scarica la lettera del Segretario Mario Ragno inviata ad AMES

ames 12 mese-1

Scarica la lettera sull’igiene dei bambini.

ames comune igiene bimbi materne

Rieccoci il 10 settembre ad un nuovo incontro con l’Amministrazione dell’ULSS 4, diversi gli argomenti all’Ordine del Giorno.

Inizialmente ci viene proposto un accordo che comporta l’utilizzo di una parte di risorse di cui al fondo art.81 dedicate al WELFARE AZIENDALE, per la stipula di una polizza che assicura il dipendente in caso di patologie quali ictus, patologia oncologia o infarto.

“Una proposta innovativa e sicuramente interessante che recepisce le nuove norme del CCNL – dice Francesco Menegazzi Segretario UIL FPL Venezia – tuttavia crediamo che ci sia bisogno di un confronto con le altre sigle e unitamente all’RSU (convocata il 25 settembre p.v.), e la massima condivisione e trasparenza, poiché vengono utilizzate quote del fondo dell’art.81 (circa 45.000 euro). Per quello abbiamo chiesto che ci venga presentata la polizza dagli addetti ai lavori, che comunque non costerà nulla ai Lavoratori. Non appena le cose saranno più chiare siamo disponibili a sottoscrivere l’accordo”.

Successivamente siamo stati informati degli investimenti e lavori previsti per gli SPOGLIATOI, in particolare per l’Ospedale di San Donà, per i quali dovranno essere acquistati 500 nuovi armadietti per i 3 presidi e adeguata l’impiantistica oltre che l’impianto di areazione.

“Una bella e importante notizia per il personale – esultano Carla Castelletto e Monica Furlanetto delegate UIL presenti al tavolo – abbiamo chiesto certezza sui tempi e ci è stato ipotizzato che il tutto verrà ultimato entro fine anno, ringraziamo le Lavoratrici e i Lavoratori che hanno sostenuto la raccolta di firme che c’è stata in questi mesi ed è stata promossa da una nostra iscritta”.

Sulla proposta di esternalizzazione del CENTRALINO e PORTINERIA di San Donà, siamo stati informati che una volta ottenuto l’ok della Regione, si procederà alla ricollocazione del personale. Purtroppo però i tempi non dipendono dall’Azienda, che comunque ha avviato formalmente il percorso.

A margine abbiamo chiesto chiarimenti sulla modalità di conteggio del TEMPO DI VESTIZIONE perché non riteniamo che debba essere previsto orario supplementare settimanale al personale diurnista e giornaliero, che avrebbe la possibilità di cambiarsi durante l’orario di servizio, poiché questo meccanismo rischia di generare orario straordinario. L’Azienda si è impegnata a fare un’ulteriore analisi, anche sul tema del conteggio delle indennità per il quale abbiamo chiesto di riaprire il tavolo tecnico.

Infine, disco rosso sulla questione FASCE, la Direzione Aziendale ritiene non opportuno riaprire il confronto e quindi modificare l’accordo esistente fintanto che la stessa richiesta non venga formulata anche da altre Organizzazioni Sindacali. Non ci resta che invitare i Lavoratori a stimolare i propri rappresentanti sindacali…..

Da parte nostra, ribadiremo la nostra richiesta di discutere dell’argomento nella prossima trattativa, e formuleremo una proposta di modifica dell’accordo esistente che sostanzialmente consideri l’anzianità di fascia anziché quella complessiva, per dare la possibilità al personale fermo da più tempo di avere un punteggio maggiore e rendere il meccanismo più equo.

In allegato il comunicato

Comunicato UIL 10-2019 ULSS4 trattativa

 

La UIL FPL di Venezia esprime la propria vicinanza e piena solidarietà all’Operatore della Polizia Locale infortunatosi a seguito di una colluttazione con un ambulante abusivo nella spiaggia di Sottomarina – Isolaverde.

Si coglie l’occasione per evidenziare i buoni risultati conseguiti nella lotta contro l’abusivismo commerciale nel corso della corrente stagione estiva merito dell’esperienza e la professionalità degli operatori addetti a questo servizio.

Ci sentiamo vicini ai lavoratori della Polizia Locale che ogni giorno svolgono il loro lavoro con grande senso del dovere che purtroppo, a volte, comporta dei rischi nel far rispettare la legge.

Chioggia, 29.08.2019

Il Segretario Aziendale UIL FPL
Comune di Chioggia
Mike Tiozzo Pagio

Il Segretario Generale
UIL FPL Venezia
Mario Ragno

Sono state pubblicate le date nelle quali verrà svolta la prova selettiva per il concorso per Infermieri bandito da Azienda Zero. La prova scritta e pratica si svolgeranno il 24 e 25 settembre dalle ore 8.30 presso il Palasport Kioene Arena a Padova.

A partire dal 4 settembre verranno comunicati agli interessati il giorno e l’ora precisa di convocazione di ogni candidato.

Per maggiori informazioni contattate i vostri delegati sindacali.

Scarica il comunicato di Azienda Zero

Diario delle Prove4

Scarica la procedura della selezione

Procedura

Con la pubblicazione del Decreto Ministeriale del 9 agosto u.s., sono stati pubblicati gli elenchi speciali ad esaurimento presso gli Ordini dei TSRM e PSTRP (tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione), in attuazione di quanto previsto dai commi 537 e 538 dell’articolo 1 della legge di bilancio 2019.

Con l’istituzione degli elenchi speciali viene data garanzia a questi Lavoratori di poter continuare a fare quello che hanno sempre fatto e per cui si sono formati, senza più correre il rischio di essere accusati di esercizio abusivo della loro professione. Il decreto individua i requisiti e i titoli che si devono possedere per essere iscritti in tali Elenchi. In questo modo si realizza un sistema completamente regolamentato in cui soltanto chi è iscritto negli Albi professionali o negli Elenchi speciali ad esaurimento potrà operare.

Di seguito gli elenchi speciali ad esaurimento (clicca qui per scaricare il DM) per lo svolgimento delle attività professionali previste dal profilo della professione sanitaria di

  • Tecnico sanitario di laboratorio biomedico
  • Tecnico audiometrista
  • Tecnico audioprotesista
  • Tecnico ortopedico
  • Dietista
  • Tecnico di neurofisiopatologia
  • Tecnico fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare
  • Igienista dentale
  • Fisioterapista
  • Logopedista
  • Podologo
  • Ortottista e assistente di oftalmologia
  • Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva
  • Tecnico della riabilitazione psichiatrica
  • Terapista occupazionale
  • Educatore professionale
  • Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro
  • elenco speciale ad esaurimento dei massofisioterapisti.

L’iscrizione negli elenchi dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2019.

 

Si è svolto anche nel mese di agosto il consueto incontro di delegazione trattante in ULSS 4, all’Ordine del giorno nella seduta del giorno 20, l’argomento legato alla videosorveglianza per il quale è stato siglato un’accordo in ottemperanza con quanto previsto dalla Legge 300/1970 e le nuove norme sulla privacy.

Ci è stato poi illustrato lo stato dell’arte relativamente all’applicazione della DGR 1075/2017 che riguarda la riorganizzazione dell’ADI, non verrà appaltato il servizio di prelievi, e fintano che non sarà assunto il personale richiesto non verrà effettuata alcuna modifica organizzativa.

Una notizia clamorosa che crea un precedente importante in Regione – afferma Francesco Menegazzi – il fatto che siano state autorizzate le assunzioni significa un passo indietro rispetto all’appalto del servizio, scelta per la quale avevamo manifestato tutta la nostra contrarietà”.

Passo indietro anche sul protocollo che era stato attivato per l’esecuzione della TAC con mezzo di contrasto, in assenza del medico radiologo, ci è stato detto che ora sono stati assunti dei medici radiologi per cui il problema non si pone e la procedura non verrà attuata.

L’azienda invece intende avviare la riorganizzazione del servizio di fisioterapia già da metà settembre, secondo la proposta già presentataci che però non ci vede convinti. Sulla questione comunque ci confronteremo con il personale quanto prima.

Abbiamo infine chiesto di mettere all’OdG della prossima trattativa una proposta di revisione dell’accordo sulle fasce che entri in vigore già dal 2019, con l’obiettivo di smorzare le storture determinatesi dall’applicazione con le regole attuali. Su tale proposta le altre Organizzazioni, in particolar modo la CISL, si sono dette assolutamente contrarie.

“Possibile che non ci si renda conto dell’iniquità dell’applicazione dell’accordo 2018??? – sostiene Francesco Menegazzi – Come si può sostenere ANCORA che sia un buon accordo! Chi ha preso la fascia nel 2016 e 2018 la prenderà per la terza volta ancora nel 2020, mentre qualcuno, e non sono pochi, è fermo dal 2005. E’ inaccettabile! Equo per chi?? E’ sempre antipatico fare nomi e cognomi, ma andatevi a vedere chi è riuscito a prenderla per 2 volta in 3 anni nell’elenco delle graduatorie, a pagina 34….. è logico che “qualcuno” non voglia modificarlo…. BISOGNA CONSIDERARE L’ANZIANITA’ DI PERMANENZA NELLA FASCIA, criterio che viene utilizzato dappertutto. C’è bisogno però anche del sostegno di tutto il personale per rivedere l’accordo – prosegue Menegazzi – nelle prossime settimane vi informeremo su come abbiamo intenzione di muoverci”. 

Al tavolo per la UIL FPL anche Carla Castelletto e Giovanna Zorzetto, oltre che Marzia Brollo,  componente UIL in RSU.

Clicca qui per scaricare il comunicato.