UIL FPL VENEZIA

FOCUS

Pubblichiamo il testo integrale del comunicato di Sonia Ostrica, Responsabile Nazionale Pari Opportunità UIL.

Lo scorso anno si è chiuso con una marea montante di donne che si sono imposte ai media ed all’opinione pubblica per risultati, competenze, capacità.
Nel corso degli ultimi mesi ho condiviso man mano con voi l’affacciarsi sempre meno timido di donne leader, che sono state al centro di ogni tematica: dall’Unione Europea, ai cambiamenti climatici, alla difesa di popoli e territori e diritti umani, alla lotta alle violenze e molestie sia dentro che fuori il posto di lavoro, alle tantissime vittorie sportive di squadre femminili, alla volontà di camminare nello spazio rivendicando ruolo, preparazione e capacità, alla resistenza rispetto ai tentativi – sempre meno maldestri – di ricacciarle negli spazi dove le si vuole preferibilmente trovare, cioè all’interno delle mura domestiche.
Le donne invece hanno riempito strade e piazze in ogni momento di pubblico interesse, dai tanti eventi organizzati come UIL ed anche unitariamente come CGIL CISL UIL; hanno marcato la loro presenza passando per i Friday For Future, per le piazze delle “Sardine”, aggreganti contro le consuetudini dell’odio…
Insomma, se qualcuno ancora tenta di metterlo in dubbio, le donne ci sono! Non è più accettabile la scusante “volete le donne, ma io non le trovo”…

Nella tradizione ecclesiale, che vede il Vaticano “anticipare” i cambiamenti su cui si avverte maggior pressione, perfino il Papa, nell’omelia del primo giorno dell’anno, ha voluto dare un’altra spallata al muro della segregazione delle donne, a cui ha riconosciuto con molto rigore la centralità del ruolo nella società: e detto dal capo di una Chiesa che nel suo complesso certamente non brilla per femminismo, significa che il vento sta cambiando davvero!
Bene, eccoci a sfogliare una agenda fittissima di eventi che erroneamente sono definiti “importanti per le donne”: come noi sappiamo bene, ciò che è importante ed utile per le donne è soprattutto utile per la società e le persone! 

Questo è l’anno cosiddetto del “Pechino + 25”: sono passati infatti 25 anni dal quell’accordo  che fu firmato a Pechino nel 1995. Sono passati tanti anni ma in realtà i progressi consolidati in questo quarto di secolo sono assai minori di quelli ipotizzati all’atto della stesura, anzi in molti contesti si parla di arretramenti rispetto alle conquiste degli anni ‘90. Per memoria, e per una adeguata riflessione, trovate allegata a questa mail due documenti che ho trovato essenziali: un “Glossario” delle parole chiave ed una sintesi “per temi” dei lavori di Pechino 1995. I documenti, che ho scelto tra i molti reperibili in rete, sono rintracciabili qui:

http://dirittiumani.donne.aidos.it/bibl_2_testi/d_impegni_pol_internaz/a_conf_mondiali_onu/b_conf_pechino/a_finestra_1/c_piattaforma_breve.html)

http://dirittiumani.donne.aidos.it/bibl_2_testi/d_impegni_pol_internaz/a_conf_mondiali_onu/b_conf_pechino/a_finestra_1/c_piattaforma_breve.html

I link sono riportati anche all’inizio del documento.

Ma cosa bolle nella “pentola politica”?
Stiamo lavorando ad una lettura della legge di bilancio, approvata in corsa dal secondo Governo Conte, in ottica di genere, per capire meglio cosa prevede, cosa consente, cosa sostiene, cosa dice del mondo femminile. Certo non faremo una analisi puntuale (solo l’art. 1 è composto di 1.143 commi…) ma qualcosa c’è, accolta anche grazie alle infinite azioni sindacali. Possiamo però già dire che sembra una goccia che non disseta la sete delle donne, costrette in contesti sempre poco amichevoli.
Come sindacato abbiamo l’onere di insistere per il miglioramento dell’occupazione femminile, ma anche della presenza paritaria delle donne nelle “stanze dei bottoni”,  per l’azzeramento del gender pay gap e per il potenziamento dei servizi in particolare per l’assistenza e la cura.

Perciò… ancora auguri e buon lavoro!

Sonia Ostrica
Coordinamento UIL Pari Opportunità

GLOSSARIO_8 GENN 2020

Corso di preparazione al

BANDO DI SELEZIONE PER COORDINATORI

Dopo il grande successo dell’evento di ottobre scorso e a grande richiesta, la UIL FPL Venezia organizza una nuova edizione del Corso per dare strumenti utili al personale in possesso del requisito del master in coordinamento per partecipare al bando di selezione per coordinatori in programma in ULSS 3 nelle prossime settimane. Il corso è aperto al personale anche di altri enti e territori.

La sanità italiana negli ultimi anni sta apportando numerose modifiche nell’ambito organizzativo e gestionale e il più delle volte gli operatori sanitari e i coordinatori si trovano a fronteggiare problematiche a volte anche di difficile soluzione.
Il ruolo del coordinatore è di fondamentale importanza e, funge da collante tra quelle che sono le esigenze aziendali e i bisogni di salute dei pazienti. Si è assistito nel corso degli anni a politiche nazionali che hanno in qualche modo ridimensionato quel naturale processo di evoluzione che ci si aspetta da una sanità efficiente, e questo fenomeno si è verificato soprattutto a livello pubblico.
Tutto questo ha portato molte amministrazioni ospedaliere a rivedere obbiettivi e sistema organizzativo. Il coordinatore nelle sue scelte di management deve tener conto dei mezzi sia tecnici che soprattutto del numero e della qualità delle sue risorse umane.
Il raggiungimento di determinati obbiettivi aziendali spesso è influenzato dal clima che si viene a creare nell’unità operativa e per tal motivo dovrà essere premura del coordinatore l’instaurazione di un clima armonico, valorizzando il personale e motivandolo a lavorare in equipe. Il coordinatore nel suo lavoro è da un certo punto di vista tutelato e facilitato in qualche modo dall’instaurazione di protocolli e linee guida che gli permettano di seguire un percorso che abbia come comune denominatore le scelte aziendali, tenendo conto dei costi-benefici, e nel suo processo decisionale si assume la responsabilità professionale e legale.
Molteplici sono le caratteristiche che un buon coordinatore deve possedere; prima tra tutte l’efficacia, credibilità e autonomia gestionale che nel corso del tempo si assume in maniera sempre più marcata. Tra le altre attività di responsabilità del coordinatore rientrano la formulazione di piani di lavoro personalizzati che tengano conto non solo dell’organizzazione del lavoro all’interno dell’U.O., ma anche delle singole caratteristiche e peculiarità del personale a disposizione, saper gestire i rapporti con i parenti e con i relativi responsabili delle altre unità operative.
Molte sono le difficoltà che si incontrano durante tutto questo percorso, come ad esempio la carenza di personale, i lunghi tempi delle pratiche burocratiche, la gestione dei possibili conflitti dei lavoratori all’interno dell’equipe. Insomma tanto lavoro, accompagnato a un’alta dose di responsabilità premiato dalla soddisfazione di raggiungere obbiettivi sempre nuovi e condividere gioie e dolori con ogni singolo componente dell’equipe.


Il corso si terrà

SABATO 22 FEBBRAIO 2020
ore 8.30-13.30

presso la Sala  Riunioni della sede UIL in via Bembo 2 – Mestre

docente: Dr. Luca MOLINARI infermiere AOUI Verona – esperto di diritto del lavoro
che approfondirà i temi legati alle specifiche competenze del ruolo di coordinatore.

Segreteria Organizzativa:
mail: segreteria@uilfplvenezia.it
tel. 041-8221202
cell. 340-2540826.

Il corso si terrà con un numero minimo di 20 partecipanti e massimo di 50, è aperto a tutto il personale sanitario, ma verrà data priorità agli iscritti alla UIL FPL e a coloro che parteciperanno al bando dell’Azienda ULSS.
Verrà rilasciato attestato di partecipazione.

Scarica e divulga il volantino allegato.

CorsoCoordinamento_2

 

 

 

Ecco il testo integrale del saluto del Segretario UIL FPL Venezia Mario Ragno a tutti gli iscritti.
Clicca qui per scaricarla.


Carissimi,
come ogni anno ci apprestiamo a “preparare” i compiti per il prossimo anno guardando l’anno che si sta concludendo.

Il 2019, anche come conseguenza della cosiddetta quota 100, ha evidenziato fortemente il problema generale e trasversale a tutto il pubblico impiego ovvero la carenza di personale e la mancanza di figure specialistiche. Su questo punto, che è la vera emergenza, dovremo a tutti i livelli pressare fortemente il Governo, la Regione e tutti gli altri Enti Pubblici del nostro territorio, affinché si predispongano dei piani occupazionali, congrui ai bisogni evidenziati.

Altra importantissima cosa è garantire la sicurezza per i Lavoratori, non solo da quello che normalmente si intende per “sicurezza nei posti di lavoro”, cosa che spesso non è una priorità della pubblica amministrazione, ma da tutte le situazioni di aggressioni fisiche che aumentano sempre di più. Non sarà un lavoro facile, culturalmente il Paese sta cambiando, oggi i genitori si sentono legittimati ad aggredire il maestro che da un brutto voto o una nota al proprio figlio, al contrario di un tempo quando veniva rispettato e sostenuto il ruolo di educatore. È la politica che ha sdoganato certi comportamenti violenti sia fisici che verbali, che prima erano quantomeno sopiti o controllati e che si ripercuotono come l’effetto onda causato dal sasso gettato nel mare. Ora tornare indietro sarà molto difficile e faticoso, certo non basterà mettere due poliziotti davanti ai pronto soccorso, o due vigili a tenere una coda in qualche ufficio comunale.

Sui rinnovi contrattuali ci auguriamo venga chiuso entro breve il Contratto della Sanità Privata, fermo da oltre 10 anni, mentre crediamo sia necessario avviare una mobilitazione a livello nazionale per garantire maggiori risorse di quelle già destinate dalla Legge Finanziaria per il Pubblico Impiego. E sul fronte del Terzo Settore bisogna continuare a lavorare per ridurre il gap economico rispetto ad altri ambiti, ma soprattutto per garantire quelle tutele di cui oggi sono privi quei Lavoratori.

Per quanto riguarda la nostra Organizzazione a livello locale, vorrei ricordare che quest’anno, su mandato del Direttivo, abbiamo rimodernato e riorganizzato gli spazi della sede di Corso del Popolo, rendendola più funzionale e creando nuove postazioni di lavoro che sono a disposizione di tutti gli iscritti. Abbiamo attivato corsi di formazione per delegati che proseguiranno per tutto il 2020. E nel ringraziare tutti i nostri delegati che con il loro tempo libero contribuiscono a far crescere la UIL FPL, voglio sottolineare due importanti novità.

Da quest’anno la TESSERA con la progressiva numerazione, vi verrà inviata via mail e sarà sufficiente stamparla fronte/retro oppure fare uno screenshot per poter usufruire dei servizi offerti dalla nostra Federazione e Categoria, come l’assicurazione per colpa grave, gratuita per TUTTI i nostri iscritti, oppure per la compilazione del modello 730, o per le altre convenzioni in essere. Per conoscere nel dettagli i servizi assicurativi compresi nel costo tessera 2020, clicca sul link http://www.uilfplvenezia.it/servizi/assicurazioni/. Qualora abbiate comunque bisogno della tessera in originale o di un duplicato, potete inviare una mail all’indirizzo tessera@uilfplvenezia.it per chiedere che vi venga recapitata.

Infine,
come avrete visto, quest’anno viene consegnata solamente l’agendina e la penna, oltre ad un piccolo notes, ma nessun libro com’era consuetudine fino agli anni scorsi. Questo perché, abbiamo deciso di devolvere una quota di denaro PER AIUTARE ANITA E GRETA due gemelline nate in agosto, il cui padre Leonardo, figlio 25enne di una nostra delegata di Fondazione Venezia, ha avuto un gravissimo incidente in moto lo scorso aprile, con serie conseguenze. Per aiutare a garantire un presente ed un futuro alle bimbe ognuno di noi può contribuire anche singolarmente, oggi e nel tempo, all’iniziativa effettuando una ricarica al conto POSTEPAY n°IBAN 4023 6009 7207 6535 intestato ad una nostra delegata, Patrizia Barbiero CF BRBPRZ68C71L736Q, recandosi presso gli Uffici Postali – senza alcuna commissione – oppure da giornalai e tabacchini, al costo di 1€ per operazione. Anita e Greta vi ringraziano. Per saperne di più clicca sul link http://www.uilfplvenezia.it/diamo-un-futuro-ad-anita-e-greta/. Verrà dato regolarmente conto dell’utilizzo dei fondi raccolti.  

Un forte abbraccio a tutti voi ed alle vostre famiglie perché possiate passare serenamente queste Festività ed un augurio di un meraviglioso 2020.

Il Segretario Generale
UIL FPL Venezia
Mario Ragno

dicembre 2019

Lo scorso 1°aprile, Leonardo, 25 anni, ha avuto un gravissimo incidente in moto. E’ stato per settimane tra la vita e la morte, operato più volte in neurochirurgia a Mestre, da giugno trasferito all’Ospedale Sant’Anna di Cona (Fe) dove sta lentamente recuperando le funzioni vitali.

Il 27 agosto, Leonardo e Alessandra sono diventati genitori di due splendide gemelle, Anita e Greta.

Leonardo è il figlio di Lidia, dipendente di Fondazione Venezia e da anni delegata della UIL FPL. Le sue colleghe hanno avviato un’iniziativa creando un FONDO a loro nome per raccogliere dei soldi utili a garantire un presente ed un futuro alle bimbe.

Come UIL FPL, abbiamo deciso di condividere l’iniziativa, e proporla ai nostri iscritti e tutti coloro che vorranno partecipare.

Per chiunque volesse contribuire è stato istituito un conto Poste-Pay, attraverso una carta di credito postale a nome di Patrizia Barbiero, una sua collega e delegata UIL di Fondazione, che gestirà e darà conto dell’utilizzo delle somme raccolte. Contribuire è molto semplice, basta recarsi presso gli Uffici Postali – senza alcuna commissione – oppure da giornalai e tabacchini, al costo di 1€ per operazione, effettuando una ricarica ai riferimenti sottostanti:

  • POSTEPAY – n°IBAN 4023 6009 7207 6535
  • intestato a Patrizia Barbiero CF BRBPRZ68C71L736Q

Per qualsiasi informazione contatta le Segreteria della UIL FPL al numero 041-8221202 oppure inviando una mail a venezia@uilfpl.it.

ANITA E GRETA VI RINGRAZIANO….

 

La UIL Nazionale aderisce alla campagna #ioaccolgo, promossa da una cinquantina di associazioni della società civile e sindacati, allo scopo di combattere i decreti sicurezza emessi nei primi sei mesi di quest’anno. 

Leggi i volantini e raccogli le firme consegnandole al tuo referente sindacale.

scarica l’appello

2019-09-26 – Appello IoAccolgo

scarica la lettera inviata al governo

appello_governo

scarica il modulo raccolta firme

IOACCOLGO – MODULO RACCOLTA FIRME